Pubblicata il 13/05/2003
A questo puzzle
mancano di certo
pezzi e pezzi
ma intanto
è già tanto il quanto

paletti e filo spinato
per chiudersi dentro

sudan/egitto
somalia/etiopia
mozambico/malawi

strappi alle viscere
e divisione interne
katanga/congo
biafra/nigeria

ribelli e ribellioni

casamance /senegal
tuareg/mali-niger

etnie sanguigne
di rivendicazioni

ruanda/burundi
tutzi/hutu

guerre o guerriglie
anni
anni
anni
di morte
a mani
e macete

senza vittorie

altri nomi
risuonano
a memoria

togo
zaire
eritrea
sudafrica
burundi
sierra leone
angola

s'aggiungono
folclori personali
ambizioni
arricchimenti
accanimenti
d'egoismo
incisi

che paga l'occidente
che ha invaso
e invade
e pretende

africa miniera
brillanti pietre
oro nero petrolio
spazio prezioso
di geostrategica sfera

si sa di questo stato
eppure non cattura

lotta d'animali
senza senso e significato
se non loro natura
qualcosa che s'ignora
senza difficoltà
cultura assai diversa
se poi cultura è
per gente d'occidente

dimenticatoio pubblico
non va il pensiero
al cuore

a tragedia
perpetuante
negra
che oggi ha pure un nome


LA PRIMA GUERRA MONDIALE D'AFRICA


lettura va letta pensando
sottofondo di musica e colori
piangendo voce di savana
vedendo dune di deserto
piedi sempre scalzi a oasi di pace
battendo richiamo di jambè









da un articolo di Jean Leonard Toudai
giornalista collaboratore esteri tg3
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

E' una denuncia calda ed accorata che mi fa vergognare ancora una volta di questo mondo. E pensare che potremmo prendere i colori, la magia, i profumi, la musica di questa meravigliosa Terra per ritornare alle nostra essenza vera. Un grosso jambè e a presto (domani). Ti bacio lafata

il 13/05/2003 alle 13:17

Non solo fata la mia lafata, ma regina di passione e critica d'eccezione, suonando insieme a te richiami d'africa
ti bacio
Kat

il 13/05/2003 alle 17:36

ricordo
africa anchi'io africa tu

non ti sconsiglio semplicemente
sono indecisa
meglio fai tu

Kat

il 13/05/2003 alle 20:59

Poeta non è solo chi scrive poesie, ma anche chi riesce a leggere
e capire la poesia che c'è in ogni cosa, in ogni persona,
in ogni vita e decide di vivere la propria esistenza tirando fuori
la poesia che ha nell'anima, ascoltandone le dolci pause,
comprendendo e trattenendo il suono di ogni singola
parola, facendo proprio il significato di ogni rima, di ogni
segno di punteggiatura, di ogni lettera.




questo è quello che ti rimando dal sito che mi haio indicato
con un bacio in più
grazie Walter
Kat

il 13/05/2003 alle 21:20

a proposito
non si offre?

kat

il 13/05/2003 alle 21:26

di solito preferisco i rossi, comunque
va bene tutto grazie

ancorabaci
Kat

il 13/05/2003 alle 21:39

Grazie Dinda per sentirti così vicina alle pene del mondo e a me
bacioni
Kat

il 13/05/2003 alle 23:21