GAF
Pubblicata il 01/05/2003
Sotto il cielo nero di Baghdad
piovono stelle di fuoco,
punte acuminate
cariche di morte
schegge impazzite
di violenza.
Sotto il cielo nero di Baghdad
occhi di sale
piangono stille di marmo,
scaglie di diamante
incidono anime e corpi
frammenti di stelle
ormai spente
si rassegnano al buio
dell'umana cecità.
Sotto il cielo nero di Baghdad
bagliori di odio
offuscano la luna,
forti boati celano
il grido della morte
e sotto il cielo azzurro dell'italia
migliaia di occhi piangono
sventolando bandiere colorate
per riportar la pace
sotto il cielo nero di Baghdad.

Elisabetta C.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

...ed indifferrenza
venne uccisa
e fatta martire,
ma un flusso di gente
pronta a reagire non
ha placato la potenza
dell'odio...
ed io ,piccolo ciottolo,
come posso placare
il flusso del fiume?

Aiuto amico mio,aiuto!!!

il 01/05/2003 alle 17:03
GAF

Neanche milioni di piccoli ciotoli hanno potuto evitare tutto ciò,perchè un masso deficiente ha deciso così.

Grazie
Elisabetta

il 01/05/2003 alle 17:11

Cara Betty è stato un piacere leggerti! Come sempre il "sociale" è per te fonte di ispirazione.
Oggi viene ufficiamente dichiarata la "cessazione delle ostilità" e, quindi, questa tua assume un valore storico.
Bello il finale.
Ma con e sole bandiere, e per di più colorate e non a simboleggiare la forza di uno stato..., si può ben poco. Serve solo a eccitare la fantasia di chi ha paura dello scontro.
Un bacione
Er

il 01/05/2003 alle 17:49
GAF

Guarda la risposta che ho dato a shalom e capirai che la penso proprio come te ma questo non m'impedisce cmq di gridare la mia disapprovazione e di vedere il lato umano della questione.
Un bacione sul naso.
Elisabetta

il 01/05/2003 alle 18:28

e come non starti vicina Elisabetta
come non stare vicina alle tue parole che sono mie e di tutti, sentire i pensieri degli altri la voglia di comunicare le paure, l'orrore, questo anche è il senso della comunicazione poetica
ti bacio
Kat

il 01/05/2003 alle 19:57

...nella polvere giace
la manina insanguinata

L.

Come cambiano i tempi, Betty, un anno fa pubblicai questi due haiku,
una barca di commenti per New York che ti ho fatto precedentemente

quasi inosservato il secondo che anticipava gli eventi

Ora si è rovesciato tutto
forse i morti per primi non contano più
o forse parla solo la politica
tu che ne dici ?
L.

il 01/05/2003 alle 22:25
GAF

è vero cara Kat parole di tutti tranne che di uno che ha deciso per gli altri.E'pazzesco pensare che c'è gente che si permette di fare guerre anche a nome nostro,questo è stato il mio modo di dire:"IO NON CI STO,NON A NOME MIO"
Grazie Kat
Baci
Elisabetta

il 02/05/2003 alle 07:22
GAF

Che ne dico Luigi?? Dico che tutto questo è iniziato l'11 settembre 2001 quando la terra tremò per le twin towers tutti abbiamo presagito che fosse finita l'era della pace ed iniziasse l'era del terrorismo legalizzato. Amaro aspetto di un mondo che invece di crescere regredisce.
Ti abbraccio e ti bacio forte
Elisabetta

il 02/05/2003 alle 07:28