Pubblicata il 28/04/2003
Lei si domanda che cos'e' l'amore
se un punto di arrivo
o un punto di partenza.

Noi non ci accorgiamo dei suoi pensieri
restiamo allegre e restiamo sorelle
a mangiare coi gomiti sul tavolo e risate in bocca.

Lei si rassegno' alla sua incapacita' di guardarlo negli occhi
pregando che la cosa non avesse alcun significato
per gli altri.

Sono tornato io
come dire ritorna a parlare la tua lingua indigena
a camminare sull'acqua
in quelle strane mattine in cui piove col sole.

I bambini giocano sui prati
avvicinandosi tanto al significato delle cose
nelle ultime ore di un minuto pieno di promesse
ma per il passato.

E non c'e' il verso che da voce alle memorie
di quei due che si incontrano
dopo anni
i treni
i figli e i traslochi
li' nel parco
con lo stomaco come un gelato sciolto
dire mi hai spezzato il cuore e' uguale.

Lui domanda solo se e' felice con quest'altro uomo
lei guarda un punto qualsiasi nell'aria
la loro figlia piu' bella agita i capelli al sole
e chiama papa' l'uomo sbagliato.

Il primo giorno di scuola
il tema venuto bene e la recita di fine anno
una corsa su per le scale
e la bicicletta senza rotelle
e tutta questa vita lui se l'e' persa
e se l'e' persa per sempre.

Due lacrime come un'evidenza
nella bellezza indifferente del pomeriggio di aprile
troppo per il cuore
non e' facile negoziare con la vita.

L'ora di cena sarebbe giunta
e loro se ne sarebbero andati ancora una volta
via
verso un altro finale
dentro
ed oltre.

Durante il pranzo della domenica
lei si domanda che cos'e' l'amore
se un punto di arrivo
o un punto di partenza.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)