PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 25/01/2023
Come rosse
foglie d’autunno
al vento
oscillanti
incontro al nostro destino andiamo
esibendo
la sgargiante livrea
del nostro
fragile apparire

nel disperato
tentativo
di strappare alla Morte
un salvacondotto
per la nostra vanità

travestimento
che a nulla servirà
allorché
la vita
che il ramo ci donava
al frusciante
silenzio
di morte illusioni
irrevocabilmente
ci abbandonerà

......................................................

l’apparire è ciò che spesso ci permette di vivere, instillando in noi un falso senso di sicurezza, che finisce per rovinarci l’esistenza. Solo la consapevolezza della Morte, dell’essere come una foglia in balia del vento e delle stagioni, ci può dare la forza di infrangere quel sottile diaframma che ci separa dalla Realtà e ci fa sprecare le nostre vite.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)

Lo spreco di apparire anziché essere, è un grande spreco. Alla fine della corsa arriveremo cmq senza inutili orpelli e lì sì che si rimpiangerà non aver goduto pienamente delle cose semplici ma vere.

il 25/01/2023 alle 17:13

E la scelta Acquarius è di ogni istante, ogni pensiero, ogni parola. Al punto in cui, collettivamente ci troviamo, abbiamo bisogno di un'immensa scrematura per riassaporare la "vera" semplicità e non semplicemente l'idea di questa, la sua triste imitazione. Grazie. Un saluto.

il 26/01/2023 alle 18:30