Pubblicata il 17/04/2003
Da quel giorno
orologio senza tempo
è ogni mia notte.

Perplesso cerco ragioni
mi perdo tra vaghe risposte
e allora rifletto...

Da quel giorno
mosaico in frantumi
è il mio cuore.

Perplesso rigiro i frammenti
ma sono più sparsi di prima
e allora rifletto...

Da quel giorno
clessidra senza sabbia
è ogni mia notte.

Perplesso mi chiedo perchè
cammino scalzo per casa
e allora rifletto...

Da quel giorno
giardino senza fate
è il mio cuore.

Perplesso cerco calore
mi perdo in strade ghiacciate
e allora rifletto...

Da quel giorno
qualcosa è cambiato
ho cercato ragioni
messo in fila frammenti
cercato risposte
bramato calore...

...ho trovato la POESIA.

Da quel giorno
la luna è compagna
di ogni mia notte
il sole scalda
il mio cuore.

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Davvero molto bella e originale...dipingi perfettamente il ruolo che svolge la poesia x il poeta...un bacione!
Ele

il 18/04/2003 alle 00:39

Mo grazie Eleonora...mi ha fatto veramente piacere il tuo commento...
Un abbraccio
Paolo

il 18/04/2003 alle 09:40

....da quel giorno sono convinta che ragioni per riflettere non ce ne sianopiù.....basterà seguire il cuore, è lui il vero regista...tutto il resto è solo inutile contorno.....
bella poesia davvero...testimone di veri sentimenti...
Mary

il 22/04/2003 alle 13:12