PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 28/11/2022
Bagliori del fuoco di un focolare ,
squarciano la semioscurita'.
nei cuori è freddo buio,
dove alluciano fiammelle
disfumato tepore.
un pargolo, nella culla ,dorme
il sonno dell'innocenza.
fuori ruggisce la bufera.
s'ingolfa e romba su per il camino.
urla tetre, da lontano il vento trascina.
sferzati da brutale furore , si accasciano gli alberi al suolo ,
come cavalli dalla fatica stramazzati.
a ricotta ridotta , Madre Terra, si
sbriciola.
È satura di pioggia e più non resiste.
come gigante di fango .
al suo passaggio , tutto inghiotte
piangono le onde del mare,
fossa comune di persone e cose.
per intere famiglie trappola di morte,
quel caro "nido" luogo sicuro per figli e consorte.
  • Attualmente 4.25/5 meriti.
4,3/5 meriti (4 voti)

struggente, da un lato, quanto di sconfinata tenerezza (nelle delicate immagini di "tepore" familiare) dall'altro... Cosa dire...è scenario che, purtroppo, ormai si ripete con troppa frequenza, colpendo, pressochè indistintamente, tutta Italia (e non solo!) In questo preciso momento, tuttavia, il pensiero corre subito ai poveri ischitani...mi si accappona la pelle quando vedo scorrere le terribili immagini che ritraggono la distruzione totale di tante (troppe) famiglie e vite, mentre mi monta una rabbia profonda quando, invece, vedo intere famiglie (a centinaia) vivere ancora nei containers dopo anni dal tragico evento che ha colpito varie regioni (manco a dirlo le province/frazioni più povere) Mi tocca da vicino e condivido pienamente il tuo sentire...il mio plauso sincero, Poieos

il 28/11/2022 alle 12:09

L'uomo sta distruggendo la natura in tanti modi. E la natura risponde con tutto l'impeto e la rabbia che accumula. Politiche scellerate favoriscono questi disastri approvando progetti da suicidio. Inoltre Anziché spendere soldi pubblici per finalità a dir poco discutibili, si potrebbe investire per mettere in sicurezza il territorio e salvare vite! Grazie Dina del tuo commento. Un sincero saluto

il 28/11/2022 alle 17:36

La tua sensibilità tocca le corde più nascoste di un canto di rabbia intrappolato nelle viscere della terra, amica Angelina! Immensa!!!

il 28/11/2022 alle 18:32

Troppo buono Sir, mio capitano. Mi fa rabbia come giustamente tu dici che tante tragedie che flagellano questo paese, forse almeno in parte si potrebbero evitare, mettendo al primo posto la sicurezza dei cittadini . Un caro abbraccio

il 29/11/2022 alle 18:34

"piangono le onde del mare"...bellissima, struggente amarezza. Ciao Poieos

il 30/11/2022 alle 20:44

Ciao cara lucy

il 30/11/2022 alle 20:51

Una poesia che tocca le corde più profonde del cuore.Molto bella.

il 01/12/2022 alle 22:18

Grazie Ninetta.

il 01/12/2022 alle 23:12