PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 25/11/2022
Lo sa bene chi me legge,
du micette eroiche, e quattro gatti valorosi,
che lo stomaco pe miracolo glie aregge,
davanti a 'sti rigurgiti bavosi,
e buon per loro che nun glie se propalano fior de scorregge,

miliardi de Madri de Famiglia, Lavoratrici,
Scienziate, Scrittrici, Poetesse, Monache di Clausura,
e chi se le caca, io vedo, e voglio vede, solo frenetiche scappellatrici,
a cui la Carta de Credito nella Sorca finché dura fa verdura,

chiappe de marmo e cosce succulente,
e davanti du bombe, du meloni,
che chi forte li strigne nun se ne pente,
ché glie fischia la zinna, e er silicone lo lascio in mano a l'altri scorreggioni,

zoccole senza rimpianto respinte dall'Ascensore Sociale,
perché manco 'na proboscide nel culo fa più male,
e, alla patata senza lesinà mai 'na scorticata,
sulla parete liscia della vita la fanno uguale l'arrampicata,
aggrappandose come li montanari sulla roccia alli speroni,
fuor di metafora rappresentati da certi pezzoloni,
de li farlocchi che a caro prezzo se svotano li cojoni,
pollastrelle sgallettate, che invece delle ova,
sulli caz*zi d'oro s'assettano alla cova.

Forse sarà perché ce potevo avé 'na sorella,
ma veramente, però s'è sfracellata nella gestazione,
forse è stato meglio pe lei, smicciandome allo specchio, porella,
quanno mi madre contro 'n Camion fu portata a sgrugnasse da quer Gran Cazzone
che tronfio fra le mani reggeva er volante,
manco della strada fosse lui er Padrone,
invece era giusto 'no Sfasciacarozze che de machine n'ha sventrate tante,
visto che da sobrio guidava come n'Imbriacone.

Oppure canto le gesta del Grande Condottiero,
della Guerra senza inizio né fine ormai stanco,
il quale, mancando delle Risorse Umane del Negriero,
alla più puttana se mette a pecora sotto la panza der Cavallo Bianco.

A volte addirittura me presento co l'Orchestrina pe la Serenata,
sotto ar balcone der brasilian Transessualone,
che si te sdrai a pancia sotto l'H.I.V. te la sei cercata,
e davanti o de dietro, versatile, propone l'Affarone,
"Real Deal" lo chiama l'Americano, sulla Terra il più Gran Coglione,
dal volto leggiadro e provocante, e il corpicino da snella femminella,
ma guizzante tre palmi de caz*zo e due de cappella:

"Marino, Marino, Marino,
malauguratamente me s'è rattrappito er pisellino,
o mia bella Mora, no non m'inculare, non mi devi rovinare,
e, atterrito, mi potresti infettare,
senza contare i caz*zi a cacare...............".

Pensavo nulla di nuovo ci fosse sotto al Sole pel sottoscritto lazzarone,
e ci avessi pronta la stronzata ad ogni situazione,
ma stavolta sò rimasto esterrefatto ed interdetto,
la fantasia malata e galoppante m'ha sempre sorretto,
ma innanzi a sto scempio me fa difetto.

Attraverso li schermi me s'è affacciata,
da dove de vedella mai me sarebbi aspettato,
'na creatura assurda che ar Mercato la pijeresti pe 'na disperata,
ce so rimasto sciocchizzato,

'na specie de scimmiona, o de scimmiotta,
che come faccio a scrive, non dico che è 'na Mignotta,
ma persino che paga lei er Crescinmano un tanto a botta,
quando, a incontralla, persino un Negrone,
appena scarcerato, coll'uccellone pieno de testosterone,
de corsa s'inguatta dentro a 'n portone,
ma non in agguato, proprio perché se n'è scappato.

Nun sai se dilla Travestito o Travestita,
coll'occhi come lei fora dalle orbite scrutata dalla Gente annichilita,
pare 'na Pupazza Spaventapasseri, doppiata da 'n Camionista der Mandrione,
massiccio, colla canotta sudata arzata sur panzone,
e la peluria der gorilla sulle spalle e le braccione,
che sona, sona, e sfancula cor vocione.

Hai visto mai fosse 'n raro Ermafrodita,
che, a discrezione, s'ingegna a spigne er cazzetto,
oppure se stuzzica er grilletto co le dita,
'na specie de via de mezzo tra er Femminone e l'Ometto.

Dicono che abbia pure prolificato,
ma, secondo me, ammesso che non abbia adottato,
tuttalpiù un volontario nel siringone avrà sborato,
che poi costei/stui, chissà come, chissà dove, ner pertuso atto ha spruzzato.

Se porta appresso da anni un mastodontico Polentone,
sempre minaccioso, cor cranio de chi nun capisce un caz*zo,
che pe la mole cazzaccia dà 'na falsa sensazione de protezione,
ma puro un Bidello mezzasega co 'n carcio nelle palle lo sdraia sur terrazzo,
però, purtroppo, Lei (???) è robba nostra, Robba Coatta,
emersa Roma pe Roma,
e vuoi che er morale rasoterra nun me s'abbatta?
Pe la vergogna m'empasticco, farmacologicamente da solo m'induco er coma.

Me da 'n'idea de fasullo de posticcio,
ovunque co l'occhi attoniti io smiccio,
credendose ormai sulla vetta, sempre più scaltra,
s'è fatta acchittà co l'abbiti da scicchettona de quarched'un'antra,
ma piuttosto s'aggrava la situazzione,
fa pensà a quei pacchi infiocchettati ma farlocchi,
che dentro c'è er mattone,
me sa tanto che ci avrà addosso puro er profumo preferito da li Finocchi,
o l'Acqua de Culonia delle zoccole dalla Polonia.

E quanno che va a Convegno coi Padroni della Terra,
coi Signori della Guerra,
co chi regna sur Caz*zo e su la Fregna,
la scambieno pe la Gabbinettara che de varechina tutta s'impregna:

"ma che, sei venuta a fà le Pulizzie?
Torna a passà lo straccio stanotte,
quanno che tra de noi se semo attroiati,
e quel che c'era da spartì, spartiti,
e a panza piena stamo fra le cosce de certe Mignotte
da cinquemila euri a notte,
o ce sollazzeno li cefali da urlo dell'Autisti,
che tu non sei pratica, e nun l'hai mai visti,

a te nun te volemo, puzzi de Popolaccio,
pari parente de quell'altro vecchio Pagliaccio,
ma che siete 'na razza de Nani da Giardino?
Stattene fora dalla porta, a dormì all'addiaccio,
sognando d'esse Qualcuno, sopra lo zerbino,
e a noi risparmiace st'incubo de sognaccio".

Vinse pe sfinimento,
che la Gente ha perso oltre alla speranza pure il lamento,
e, lobodomizzata, salta da un Sacco de Merda all'altro, come alternativa,
e prima o poi rassegnatamente darà fiducia a una qualche Lady Godiva,
o a qualche Lesbicona,
che fa fino, come Icona.

Ce capiva solo Indro Montanelli,
se non in peggio nulla mai cambia nella Nazione del Gattopardo,
sempre in culo all'Ortolano volano cetrioli e ucelli,
Dito Medio a tutto lo Stivale, compreso er Sardo,
Politicamente corretta, vige sempre la Legge del Menga:

"chi ce l'ha in culo, 'cheese!', e se lo tenga!!!".
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Strepitosamente spassosa! Bravo, Don Lurido!

il 25/11/2022 alle 19:00

Grazie Sir Morris, sono molto contento che tu ti sia divertito leggendo il mio testo.

il 26/11/2022 alle 00:26