PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 22/11/2022
con quattro stringhe di nikel
le mie mani torturo
e fino al cuore il rimbombo
tavolozza fa dei suoni gravi.
accompagno me stessa
per sentieri inesplorati,
nuda come sempre mi vuoi
in un’estetica di soli profili.
ristagnano i pensieri
in una perenne palude
in cui soltanto odo
il tessere delle piccole note.
e’ la mia scenografia
di un palco vuoto,
di sfondi sfumati,
dei così piccoli gesti sospesi
di cui non più
sai prenderti cura.
  • Attualmente 3.83333/5 meriti.
3,8/5 meriti (6 voti)

è un testo bellissimo

il 22/11/2022 alle 18:04

la delusione di una piccola grande batteria che si autorigenera..

il 22/11/2022 alle 21:42

Grazie per i vostri commenti

il 23/11/2022 alle 11:41