PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 21/11/2022
E' più unico che raro
un amico come Angelino lo Zampognaro,
anche se in realtà fa er Guardiamachine abbusivo,
ma, si er "parcheggio" estorsivo t'arrifiuti da pagà,
la merda fora dall'occhi te fa schizzà,
anche perché pare 'n carro-merci co gambe e braccia,
e cià du sampietrini ar posto delle mano,
co cui come 'na zampogna te gonfia la faccia,
e te ne torni a casa sgrugnato pure si eri sortito sano,
sempreché te apreno la porta e nun te scambiano pe feccia.

E sì che sbraccia tutto scoordinato,
tantoché più che a cazzotti te pija a ciavattate,
pensa se in gioventù
qualche Maestro le basi der Puggilato glie l'avesse insegnate,
e ancora glie dava del tu,
che scarica de mazziate.

Però è leale e agisce sempre a viso aperto,
a sfregià pe dispetto le machine dell'insolventi
nisuno l'ha mai scoperto,
manco si pure de grana so gonfi, spilorci, e fetenti,
tuttalpiù se limita a fatte zompà 7-8 denti.

E sinnò glie devi da dà li mammalucchi,
e pure alla svelta e senza trucchi,
ché é uomo de conseguenza,
e sur lavoro nun ne tiene de pazienza.

Ma, tolte 'ste bagatelle,
è gioviale, generoso, e compagnone,
le Signore e Signorine tratta come sorelle,
anche perchè giocoforza dovette passà de grado a "Culattone".

Talmente è affabile e spiritoso,
che, quanno co l'amichi annamo a giocà a Calciotto,
sotto alle docce puro coll'estranei fa lo scherzoso,
ostentando il retto, anche chiacchierato, ma perlopiù rotto,
pe poi voltasse de scatto
lassando balenà l'ocelletto talmente corto
che nun cià proprio spazio pe svoltà e diventà storto,
e si la cappella fora dar prepuzio te scodella,
pare che cià 'n piccolo bozzo,
invece der caz*zo mozzo,
e spiega scanzonato e ridanciano:

"è vero, ci ho er chiccherone manco poco inoltrato,
aho, ma io nun so stato,
magara fossi tutto proporzionato!!!".

A noi, che insieme se movemo come un uomo solo,
ma sempre ciascuno dell'altro a cinque palmi dal culo,
ce confidò che, ragazzotto, aveva provato a corteggià du sorelle,
ner rione "Monti" risapute proprio come troiacce,
e abrasive strappone de cappelle,
piuttosto che come puttanelle,
ma fece solo sketch de merda, ovvero figuracce.

Prima bussò alla porta de Patrizia, detta Patty,
e la trovò aperta,
a cosce spalancate pe leccaglie la fregna bisticciavano tre gatti,
e: "ma tu ciai la Candida!", la mise all'erta,
ma quella glie strillò, ilare e coattona:

"ma nun vedi che me la sò spalmata de formaggino Galbani?
Ah gaggione, ma a te pure 'na verginella te cogliona,
e che caz*zo stai a fa co quer clitoride sfrattato fra le mani?
Nun te li tenè 'sti segreti,
a sapello te spedivo a fornicà co li criceti,
robba da matti, tanta dinamite co 'n centimetro de miccia,
manco la squinzia trucida e bagnata ce s'appiccia!!!".

Allora passò alla porta accanto,
da Bianca Maria, meglio conosciuta come Bianca Merda,
appunto perché era 'nfetta d'Epatite,
ma era 'n tale schianto che nisuno se ne pijava scanto,

"Oddio, ma che me voi fa venì cor gommino delle matite?",
se ne uscì la ninfomane, tra ilo riso e il pianto.

Però glie diede er consiglio giusto,

"sculetta all'indietro, invece che in avanti,
ché alli piani superiori
de inculattoni che te pungolano la prostata ne trovi tanti,
vedrai che è pure meglio, pe er deliquio te ne mori,
vieppiù co li Mori,
nun te ce rimirà allo specchio,
comincia a sentitte tutta sensuale e arrendevole, Regina di Cuori,
col culo di fuori,
si aspetti che te s'apre la 'pannocchia', te ce fai vecchio!!!".

Angelino principiò allora a fa qualche pompetta
ai disperati che glie davano retta,
all'inizio se sentiva ridicolo e malvagio,
ma col tempo sempre più a proprio agio,
al punto de scordasse de pesà chili cencinquanta,
e fregna de dietro sentissene calla e tanta,
a fluttuà nell'aria languida e leggera,
come 'na gattarella bipede stivalata,
che ogni sera
co 'n maschiotto diverso smania, vogliosa de 'na scopata.

Pe 'n caso poi entrò nel giro dell'arnesi
dell'Ugandesi, Senegalesi, e Congolesi,
ben più cazzuti dei Tirolesi,
quasi tutti venditori ambulanti,
de sleppa smisurata proprio in tanti,
e glie va dato atto che concedendosi
ne ha salvati d'ambosessi viandanti,
a parasse le chiappe inermi del tutto impotenti.

S'imbrancò puro co li Nigeriani,
che persino lui la sega glie la deve fa a du mani,
e d'allentà er patocco dar culo
a volte persino lui come 'n Chierichetto prega,
ma quelli glie rideno sulla nuca, perché nun glie ne frega.

De 'sta metamorfosi interiore
sarebbe forse da parlà co quarche Prete o Dottore,
ma de sicuro non ha intaccato l'indole violenta,
perché sempre più pesanti le papagne allenta.

Anzi, l'altro giorno s'azzuffava appena co 'n disgraziato,
ma alla fine della fiera tre bambacioni ha scoppiato,
dato che come er Bazooka lancia le proprie bombe in avanti,
ma da dietro, essendo lui bucato,
er contraccolpo rilascia vampate puzzolenti
ad ogni colpo sferrato,
pe non dì esplicitamente flatulenti scorreggioni,
che in pieno investirono due coattelli coglioni,
tra i quali er più linguacciuto glie fece:

"Sant'Oddio, tu manco te poi inginocchià a recità 'na prece,
ah busone, e attappate quel trombone,
te lo do io er tappo dell'olio de 'n vecchio Alfettone!!!".

S'avventarono, e tre contro uno pensavano de vince la guerra,
invece s'aritrovarono tutti cor culo pe tera,
ché, pe apprescià li tempi, direttamente co l'avambraccio
Angelino li prese a tortorate,
e er più vispo era conciato da buttà come 'n vecchio straccio,
tale e quale a 'n cane afflosciato a forza de bastonate.

Avendo poi visto ar Mare delle ragazzette birichine
che ciaveveno er segnale der "Divieto di Sosta"
sull'anteriore dello slippino der costume,
e va a sapè se è un deterrente o lo fanno a bella posta,
lui invece, senza dubbi o ambiguità,
er segnale der "Passo carrabile" sul didietro se fece stampà.

Cosicché se sdraia sulla spiaggia prono,
e, vedendolo simbolicamente invitante, bocconi,
de passaggio glie scoprono le chiappone li frocioni,
nonché er culo allungato dar diametro smodato,
per cui, rispettando er segnale, chi a occhio stima che ce sciacqua
sgombra e tira dritto, o pe la vergogna se butta in acqua,
a favore de chi tenga fra le cosce er ripieno + l'intenzione
d'abbottà st'enorme cannellone.

Capita però pure che Angelino, si vede da uno specchietto
che er rinunciatario è assai caruccetto,
glie sussurra suadente:

"si voi la nocchia provo a strigne io, meglio che niente,
me ce arrangio discretamente,
anche se in verità le pompe con il culo alli cazzetti stretti
le fan rapidamente e perfettamente,
in barba e sotto er naso dei loro cornuti ometti,
già smutandate, solo le belle donne,
leste ad alzar e riabbassar le gonne,
spesso già annoiate dall'esser maritate,
speranzose dell'omaggio alla sorca di belle e umide leccate".
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

Piaciuta ed apprezzata.

il 21/11/2022 alle 13:45

Grazie, gentile Ronald.

il 21/11/2022 alle 19:26