PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 18/11/2022
Affiliata alla mia congrega
indosso un saio
che di sensualità materica
le tue mani vorrebbero sfilare.
di domande pulsano
i tuoi istinti
a cui risposte non so dare,
il mio corpo
è un corredo di disgrazie,
è quel sentiero che percorri
costellato da imperizie.
nell’intimità violento
fino al limite del linciaggio
mi assali e mi saccheggi,
depredato sogno fanciullesco.
anche se infine io sola
sopravvivo ai miei dirupi
e di te a compieta canto,
ti giuro stanne certo,
l’attesa che ti attende
del tuo notturno Inferno.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (9 voti)

Bella.

il 18/11/2022 alle 11:26

Mi è piaciuta

il 18/11/2022 alle 11:38

Grazie per le vostre letture.

il 23/11/2022 alle 11:38