PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 21/09/2022
Come
un pessimo interprete
sempre
in ritardo
o in anticipo
sul battere e il levare del tempo
nessun rispetto
mostra
per la struttura portante del Silenzio
la Sua
mistica natura

viepiù
si ostina
a spacciare per Arte
saggezza
o Successo
la totale conquista
d’ogni spazio vuoto
d’ogni pausa
d’ogni possibilità

ma
non è solo
per mania di protagonismo
che
a tale scopo
si applica

e’ paura

paura
di vedere riflessa
nello specchio implacabile
del Silenzio
la vuota
immagine di se

ed è
per questo
terribile retaggio
che
schiere sconfinate di evitatori seriali
d’ogni razza e colore
cultura
o religione
marciano compatte
con un finto sorriso sulla bocca
gli occhi vacui
e la disperazione nel cuore
alla conquista
d’ogni specie
e luogo
ancora liberi
sulla faccia

di questa Terra meravigliosa

invisibile
ahimé
a chi
per non soffrire
al mercato dell'Ovvio
i propri sogni
abbia svenduto!

...............................................

l’Uomo e la Libertà: il suo pensiero autoreferenziale, raccolto su se stesso come un mal di pancia e il bisogno di conquistare, schiacciare, svilire, addomesticare ogni forma di vita che la sua libertà perduta ricordi. Costretti dall’inerzia di una ruota che inconsapevolmente, abbiamo messo in moto, ci sembra di non avere altra possibilità che correre senza meta insieme a tutti coloro che la nostra particolare giostra hanno "scelto", sperando di non essere mai costretti a guardarci in faccia. Invero, una piccola pausa tra i pensieri, potrebbe strapparci a questa dannata, autolesionistica eredità!
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

Non penso sia esattamente così, forse c'è anche dell'altro. Nel senso che per molti evitatori seriali non sia soltanto paura ma brama innata di qualcosa che si trova dentro di essi. In questo caso l'evitare diviene un "non poter vedere oltre".

il 21/09/2022 alle 08:29

Ciao Vincenzo, condivido pienamente. Nella poesia ho messo l'accento su uno solo dei tanti motivi che possono spingere la nostra personalità di superfice a evitare quel Silenzio che, dentro o fuori di noi, così tanto ci inquieta (me compreso). Un saluto.

il 22/09/2022 alle 20:25