PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 13/09/2022
Mangiare un gelato, quello buono
al pistacchio, davanti alla vecchia
scuola, storia di sempre
dalla piazzetta che ora
è cambiata, cambiata per sempre
ti ci adatti stasera
sulle panchine nuove
una coppia, una coppia c'è sempre
-giovane- mangiano un gelato al limone.

là dove entravi a testa media,
non alta sennò cadevi, non bassa
sennò non respiravi,
cos'era un' "ansia sociale" ?
oggi lo sento spesso dire, per questo
mi chiedo che cosa sia,
non lo so e non è vero che uno lo sa
di là il portone, l'androne,
che caldo che fa già qua dentro,
non è mai stato un problema
per me, sudare. Da lì la testa era
già più leggera, poteva
fare cenno di saluto.

sulla panchina nuova
dietro il chiosco nuovo
per me, già vecchio per quelli,
-vecchio abbandonato pare una capanna-
cosa significa questo?
solo una mano per scrivere
forse una risposta, forse un perché
perché ogni mattina
mi sembrava dovuto, andare,
pur di entrare a testa media?
-che vuol dire a metà-.
mentre là ancora la coppia
giovane, mangia un gelato al limone
che mi sporgo di tanto in tanto
-Perché a star da soli coi propri ricordi
si fa bene a sporgersi-
per trovare un po' d'amore.

quindi se torni in macchina,
in sosta davanti alla coppia
giovane, ricorda di non abbagliarli
coi fari, che non vuoi che smettano
che così è come dire vi rispetto
io mi mangio il mio gelato, voi il vostro,
e poi è romantico, per assurdo, questo posto.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)