PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 21/08/2022
Pe posta c'era stato un invito,
ma da quelli che, cor braccio teso,
tra loro, de scatto ancora salutano a Benito,
che a vede che pezzi de mocciolo, se sarebbe offeso.

Uno dei quali, seguendo a testa bassa il filo d'Arianna,
se ritrovò in mezzo alle fratte,
e i Camerati glie fecero un culo come una capanna,
sicché s'è redento, e mò da travestito batte.

S'ha da sapè 'O vero, dovrebbero sta a Carbonia,
in Deportazione, a sgobbà nelle miniere,
invece de dasse in culo a vicenza, nel Parco de Lemonia,
perché tra de loro, puro chi incula, lo vole poi ner sedere.

L'ha detto Sandro Pertini, mica Don Lurido:

"coi Fascisti non si tratta,
i Fascisti si combattono!".

E tutt'ora, che senza vergona fanno puro li bocchini,
proveno a caccià piano piano er cazzetto dalla patta.

Dar gioco a lungo stettero fora, come 'no zerbino,
finché, 'na trentina d'anni orsono,
li rimise in pista quer riccone piccolino,
a cui der proprio scappellamento in vecchiaia piace il suono,

che de tutto fu stigmatizzato,
meno che de quel che aveva commesso, e commissionato,
persino dell'unico suo pregio,
che un dito al culo ai froci
nun ce lo mette nemmeno pe sfregio,
perché, checché se ne dica,
massivamente glie piace la fica.

Ma poi, e che, nel Chile, secondo mondo,
ai seguaci de Pinochet
glie viene permesso de fondà il Partito immondo,
'dei Golpisti Torturatori Moderati',
cor cartone der Sor Augusto che sbraita sullo sfondo?

"Georgia on My Mind" è una gran bella canzone,
ma non per l'Italia, a noi ce porta male,
te pò fa diventà stronzo e recchione,
e si nun te sta bene, coi cinesi vai a cacale.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)