PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 10/08/2022
Sottotitolo: "Oltre i confini della realtà"

mai 'na storia simile m'era capitata,
che da casa mia scappasse, senza esse stata pagata,
una che a poco s'affitta,
né tantomeno picchiata, minacciata, o insultata,
mollandome co la salsiccia dritta.

Co costei, dopo giorni d'elettronico epistolario,
m'ero infine a fatica accordato,
a cagion di difficoltà d'orario,
pe 'n Sabbito verso la Mezzanotte,
poiché mi frate dorme de giorno e gira la notte,
circostanza meglio nota come "cacacazzario",
e oltretutto pe casa nun ne vo vede de mignotte,
forse perché lui non se le fotte.

'Sta tritacazzi, appena arrivata,
co 'n pretesto al portone è ricalata,
piuttosto innervosita,
ma io m'ero proprio spaventato,
perché pe la casa aveva curiosato,

"e mò, sapendome solo, me risale co 'n pezzo de galera,
e invece che svuotato, la serata la concludo rapinato !!!",

me sembrò ipotesi verosimile, anzi vera,
e, malgrado me fossi ben purgato,
già m'era riscesa la merda al culo,
pe la fifa blu, e la strizza nera.

Invece, poco dopo, me squilla er cellulare:

"io me ne vado, in casa tua non posso stare,
troppo è sporca e disordinata,
ma che, soffri de 'na patologia mentale ?
Scusa, ma me so data,
io so Infermiera, lavoro all'Ospedale,
la pulizia è salute,
così te ritrovi co la scabbia sulla cute !!!".

Ce rimasi parecchio sconcertato,
sia perché nun s'era mai verificato,
ogni puttanone ar soldo è troppo abbarbicato,
sia perché "rimming" e poi "fellatio"
pe 'na piotta avevo pattuito,

ossia che a pelle me leccasse er bucio der culo,
però ben lavato e ripulito,
dopo 'na vita, m'ero appena rifatto er bidè,
da quanno ner Mar Rosso
le palle me sciacquavo co Mosè,
e poi, si er Cucù a serramanico me fosse scattato,
'n bel pompelmo senza preservativo sarebbe seguito.

Quindi, ner cranio d'ella, non solo la pulizia è salute,
ma, come pensano nella Subburra,
puro slinguazzà er culo, e ciuccià la sborra ?

E magara, all'indomani
pijava servizio fra li malati,
e a mano glie insaponava er c***o,
dopo avelli cor sorriso rassicurati,
però, comunque, giustamente, so io quello pazzo,
e a lungo me sorbii er predicozzo.

Ma mi scusai, fui gentile, nulla lasciai trapelare,
un euro non volendo sborsare,
e ignorando dell'ipotetico accompagnatore
il grado di pericolosità sociale,
valla a sapè si nun era 'n'accoltellatore,
anche se, essendo lei 'na zoccola ospedaliera allo sbaraglio,
pe pappone ce poteva avè anche 'no scalcinato Dottore,
poco male, è stato solo un pasticcio, mica un guaio.

Ah, dimenticavo,
in casa, d'una scarpiera tutta sfonnata
m'aveva chiesto de dar conto e ragione,
ed io con aria trasognata:

"mah, così, pe gioco, gli ho tirato quarche cazzottone !!!".
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (3 voti)

...oh Lurido, scusa se non mi contatto con te spesso ma te leggo sempre ...senti un po'...ma 'sta zoccola almeno è professionalmente seria...ciao!!!!!!!

il 10/08/2022 alle 21:59

Gentile Cantorom, non hai niente di cui scusarti, sono io che ti ringrazio per la gradita attenzione. In quanto alla Z. "salutista", sarà forse professionalmente seria come Infermiera, ma dà l'impressione di essersi appena gettata scelleratamente in quest'avventura dopolavorista, senza avere la più pallida idea delle difficoltà e dei soggetti in cui potrebbe imbattersi, non necessariamente tutti parolai come Don Lurido. Un cordiale saluto.

il 11/08/2022 alle 08:10

Grazie Nestor.

il 11/08/2022 alle 23:49