PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Utente eliminato
Pubblicata il 03/08/2022
Stasera colleziono fiori abbandonati
dissetati da acque senza rive,
gocce di sangue del fiume che tace.

nel fondo del respiro a colpi di vento
ho rubato gli occhi al cielo
da finestre dalle asserite lontananze,

cerco distanze e treni pazienti
per tutti i luoghi, i ritorni e gli addii
verso le cime della giovinezza.

qui tra gli ultimi sogni tra gli specchi
il mio volto senza alcun declino
e gli occhi di grano di maggio

ma sento le paure oltraggiose, spaurite
socchiuse nella botola dei miei silenzi,
rilego in pelle la mia follia

ne farò fantasmi da tramutare in piume
lì sulla spiaggia dei gabbiani
per andare via come libero cuore.

tony claus
  • Attualmente 4.14286/5 meriti.
4,1/5 meriti (7 voti)

Bella, un saluto.

il 03/08/2022 alle 16:24

Allora, io ho notato una differenza oggi, ma ora che ci ripenso è un po' di poesie che mi incuriosisci, non dico niente (perché in effetti non sapevo cosa dirti, e non parlo del contenuto, né delle poesie). Hai migliorato un botto secondo me, il tuo modo di comunicare, si sente la tua voglia di fare arrivare, di far capire. Ma proprio mi piace tanto, sotto tutti gli aspetti.

il 03/08/2022 alle 16:41

(poi.. può darsi che sia solo il fatto di esser più in sintonia con te, questo lo sai tu)

il 03/08/2022 alle 16:43

Senso, astrazione e costrutto, miscelati e amalgamati come un'antica, speciale ricetta letteraria. Questi ingredienti, quando equilibrati, creano il capolavoro. Complimenti, Claus.

il 03/08/2022 alle 20:26

Molto bella

il 04/08/2022 alle 09:26

La terza strofa mi è piaciuta in modo particolare, ciao!

il 04/08/2022 alle 09:39