PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 01/08/2022
Ti fai chiamare..........

Viviana è il vero tuo nome,
chissà se solo a me lo sussurrasti.

Perfino quando menti,
come un mattino di Primavera
una fresca carezza è la tua voce,

da un mare gentile il soffio della brezza alla sera,
nella baia cristallina
dove non giungono tempeste,
né s'avventurano cafoni o squali,

il refrigerio nella cantilena d'un vispo ruscello di montagna,
all'ombra di piante profumate,
laddove, disperso al Mondo, m'accamperei d'Estate.

Sei così sonora,
illesa dall'ombra che ti vela il cuore,
e gli occhi appena intorbidisce.

Così nascesti, Viviana,
sebbene tu sia di giorno un'umiliata Centralinista,
e alla sera, una Puttana.

In te d'un'altra donna il timbro risuona,
altrui andata in Sposa,
che, di nascosto,
un altro me stesso, fanciulla, vagheggiava.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)