PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 29/07/2022
Nel Bordello

Correva l'anno 1947,
era alta, slanciata, mora, e bella, la Luisella,
carnose chiappe de marmo, e de granito grandi tette,

senz'entusiasmo se preparava ad esse consegnata a chi t'uccella,
e si te dice bene, l'emorroidi de scoppiatte, per Sua Grazia, omette.

Ma a Via Capocci, fra le due guerre,
Mamma Luciana indiscussa era stata la Prima Puttana,
dal Veneto proveniva, del quale eran allora povere le terre,

e, sin da giovinetta, sempre s'era alimentata attraverso la banana,
ossia, se per Archiloco, poeta e mercenario,
il pane era impastato sulla lanza,
la Luciana, pe sbarcà er lunario,
invece che dell'armi, avea abbracciato er mestiere della lonza,
e alla sera, Hallelujah, se in massa le eran solo passati sotto la panza.

Al Bordello spesso si recavan puro li Ragazzi de via Panisperna,
menti finissime, Scienziatoni,
che, spremendose er cervello, necessitavan di fiottar lo sperma,
giacché non scopre un c***o quel Ricercatore,
a cui dolgan, pe quanto so gonfi, li cojoni.

Tra loro uno pativa terribili rimorsi, essendo Communista,
mostrava un normocazzo tutto contorto, alla vista,
e mentre sborrava, una smorfia sofferta, da debbusciato,
er porcone all'improvviso glie puzzava de morto,
bestemmiava, e alla zoccola strillava invasato:
"fammi un clistere, sono un servo dell'Imperialismo !!!",
e delirava, finché non restava col fiato corto,
o coll'Olio di Ricino veniva purgato.

Un altro, il più geniale,
ci aveva il c***o marcio pieno di vermi,
e la Luciava mai gli ciucciava er guercio impestato,
ma l'ammollava a 'na Troiaccia de Terni,
dall'oscuro passato,
tutt'altro che carina,
che, dopo avello sfiancato a forza de pompini,
era l'unica a potesse disinfettà cor Muriatico e la Varechina,
s'era mitridatizzata, lavorando fora dai confini.

Teneramente fra le sue strinse le mani della Luisella,
quel giorno, Mamma Luciana, vecchia puttana,
la cui fanciulla quasi illibata serbava la pisella:

"unica figlia mia adorata,
me sanguina er core, ma te tocca, a ariccoglie er testimone,
mamma è ormai sfonnata, sformata, precocemente invecchiata,
mai arretrai davanti al guercione,
ma un'intera Armata me s'è ingroppata,
daje e aridaje, m'hanno sgarrupato puro l'occhio marrone,
la Banca mia in miezzo 'i cosce ormai è zompata,
i battenti deve da aprì la tua, ammiccando ad ogni sporcaccione.

E seppure ad un mestiere onesto avessi tu pensato,
sappi che sempre, ovunque, e da chiunque,
la sasizza fresca, o er pesce fracico, repente te sarà scodellato,
che tutto questo è l'omo quando se viene ar dunque,

accannalo, poi, quello sfaticato che chiami Fidanzato,
tu Padre se fece poi le ossa come Magnaccia,
da orecchio a orecchio la gola glie tagliai,
prima che lui a me sfregiasse la faccia.

La Zia Caterina, d'indole pia, rimase a fa la Mondina,
nun bastava alli lombi lo strazio, piegata pe ore e ore,
più la continua palpata o strusciatina,
ogni du-tre minuti in culo un dito glie schiaffaveno con dolore,
tozzo come er manico de n'ombrello da Pastore,
o dentr'alla sorca la mano intera,
questo o quel sedicente "Dottore".

Dai, fatte coraggio, ché mo brulica de gaggioni Americani,
co le saccocce piene,
imbriachi fracichi come 'na cucuzza, al punto da cascacce,
se, invece che nella fregna, fra le cosce forte glie lo strigni er pene,

sapessi invece i Nazisti e le Camice Nere che brutte facce,
aggratise te toccava a stacce,
anzi, spesso, a ben vedere,
te strappaveno puro l'incasso, dopo er bucio der sedere !!!

Tu devi solo da badà a quei Sordati cui pare abbian cacato in faccia,
cor c***o de carbone,
che te pompano certe botte,
nun so se le possa regge la tellina tua novizia,
ma er negraccio se ne fotte,
anzi glie va a sangue, e ce s'avvizzia,
ma non temere, a breve come n'ostrica te s'aprirà la fica;

e puro a chi parla francese, ma parecchio è abbronzato,
po esse pure 'n Algerino svalvolato,
che pe distratte co 'na mano te palpa le tette,
e coll'altra intanto stira la baguette,
e hai da vede fin dove ariva, quanno te la mette.

Guarda, me lo trasmise che ancora non avevo la tua età,
'sto campionario de cazzi de tutte le misure,
la pora Nonna tua, affinché m'empratichissi prima de debbuttà,
così come er Puggile a pija cazzotti s'allena pure,
ché sur Quadrato impreparato ce salirebbe solo 'n pazzo,
noi doveno esse da pronte a mugolà dolcemente
ai più violenti colpi di c***o,
della Soldataglia, segnatamente.

Li cazzetti riosa so pe dilatà la fregna, progressivamente,
quelli maroni, più graduati,
te l'introduci nelculo, lentamente,
vedrai che dell'apprendistato poi nisuna se ne pente.

L'Omo nun è che n'albero d'oilive,
solo che er Contadino, avendole duramente raccolte, e non con mani giulive,
dopo avelle spremute al frantoio,
ci ha pue l'onere
te, quanno che ar coglione de sborale palle gli hai svuotato,
hai già bello che monetizzato !!!!!
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)