PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 24/07/2022
C’era una volta uno stagno pieno di rane che facevano quel che volevano
Saltavano di qua e di là e, dalla mattina alla sera, oziavano e gracidavano

Un giorno, decisero di chiedere a Zeus un sovrano che insegnasse loro a vivere
Rispettando le regole e la disciplina. A Zeus, questa richiesta lo fece ridere

Gettò nello stagno un travicello di legno che cadde in acqua con un gran tonfo
Le rane, spaventate, si rintanarono nel fango dello stagno, proprio sul fondo

Per un po' non uscirono, ma vedendolo sulla superficie, immobile che galleggiava
Andarono a vederlo da vicino, lo toccarono e qualcuno anche addosso gli saltava

Sta di fatto che il travicello non si muoveva affatto e non diceva neanche un se
Presto, le rane tornarono alla vita sregolata e allegra di prima, ignorando il re

Dopo qualche tempo, le rane andarono da Zeus e gli chiesero un nuovo sovrano:
"Codesto re è una nullità; chi ci faccia rispettare le sue regole, desideriamo”

A questo punto, Zeus gettò nello stagno un serpente, che iniziò a divorare le rane
Per la paura, smisero di gracidare e si nascosero tra fango, canne e terre malsane

Un giorno, supplicarono Zeus di riprendersi quel serpente malvagio, e lui rispose:
"Vi avevo dato un buon re e l’avete rifiutato. Rimarrete col mostro e le sue pose"

A quattro mani Esopo e Sir Morris
  • Attualmente 3.71429/5 meriti.
3,7/5 meriti (7 voti)

Vivace allegoria! Complimenti ad entrambi.

il 24/07/2022 alle 19:12

Esòpo è in riunione con Creso e Pisistrato. Stanno confabulando tra loro e si stanno domandando in greco stretto: "Ma cu è... stu Pippo Giustino?" - p.s: ora li chiamo e li tranquillizzo. Ah ah ah . Grazie 14.

il 24/07/2022 alle 19:55

Pure un SMS va bene , non credi? Ciao Sir !

il 24/07/2022 alle 20:42

Ahaha, sei forte anche tu né!! :) Ciao.

il 24/07/2022 alle 20:43

Sir. credo che i due siano incacchiati con Giustino scopiazzone.

il 24/07/2022 alle 23:19

Qui siamo in piena storia :)

il 25/07/2022 alle 00:03

Eos, hanno risposto all'Sms: "Caro Sir, non siamo riusciti a capire chi fosse Pippo Sbagliato, ma salutaci tanto, Eos,; ringraziala da parte nostra".

il 25/07/2022 alle 01:41

Ancora 14 che se la ride?! Eh eh eh

il 25/07/2022 alle 01:43

Cara Aslai, si sono arrabbiati perchè nella sua versione, Pippo, ha ripetuto più volte re travicello, controvertendo la regola della ridondanza. Comunque, adesso è tutto ok, grazie.

il 25/07/2022 alle 01:47

Si, caro amico Beck, la storia è fondamentale, specie quella originaria! Che emozione! Spero trionfi la serenità. Tvb

il 25/07/2022 alle 01:55

Questa favola è mitica ed io l'ho conosciuta aiutando i miei figli a fare i compiti e di seguito con i nipotini. È piena di significati come tutte le favole di Esopo. È bello che tu l'abbia riproposta, forse se le leggessero anche chi ci governa non sarebbe male. Esopo se potesse esprimere credo che sarebbe felice di affiancare la sua firma alla tua! Sempre belle le tue idee! Bravooooo! Ciao

il 25/07/2022 alle 02:00

In effetti, cara Santa, mi sono divertito molto e debbo ringraziare Aslai e Beck che mi hanno permesso di sbizzarrirmi in tal senso. Grazie molte e buona notte.

il 25/07/2022 alle 02:18

Non sapevo di re Travicello...e neanche le rane visto il loro comportamento.è un piacere leggerti Morris! saluti!

il 25/07/2022 alle 13:25

E' una delle più celebri e significative favole di Esòpo, amico Aldo! Il piacere è mio, carissimo! Un abbraccio sincero!

il 25/07/2022 alle 14:27

...morale che è graaaande lezione di vita! E che, come tutti gli insegnamenti, ben nascosti nelle favole, cavalca ogni tempo restando sempre attuale... L'immenso Esopo è stato (e resta!) inarrivabile in questo è...tu sei stato grande a riproporcelo, personalizzandone la forma, nel pieno rispetto del contenuto... Sì, te lo ripeto: grande Sir!

il 31/07/2022 alle 18:09

Hai colto il senso di tutto, cara Dina! Sono contento che ti sia piaciuto il testo. Un saluto sincero. Buona serata

il 31/07/2022 alle 19:20