PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 22/07/2022
Ce potrebbe esse der pettegolezzo,
non garantisco verità,
troppo distante per annusarne l'olezzo,

ma, ridacchiando, dicheno li Politologi
che mai come or ora
i Capi Supremi so omologhi,

ner senso che,
sia all'America O' Presidente,
che lo Zar de tutte le Russie,
er soffione posteriore assai ce l'hanno fetente,

e, fuor de metafora,
stanno co la merda ar culo,
che all'unisono gli esce puro fora,

inseguiti da un ometto che gattona,
mentre ce la mette tutta,
fra la marmaglia che li cojona,
a ariccojela co la paletta.

Ma, detto fra noi,
me pare 'na pugnetta,
magara er Tai Pan Cinese, pe non da spettaculo,
un sacchetto da aspirapolvere
ogni matina se fa fissà tutt'intorno ar bucio der culo,
anche pe schivà l'onta e lo scuorno
d'esse lo zimbello delle persone povere,
che, a labbra strette, se pisciano addosso tutt'attorno.

Pare puro che Joe vada farneticando
de quanno, ragazzetto,
la madre, accompagnandolo in machina alla Scuola,
cor tergicristalli spazzava via, de tutto ar netto,
petrolio, olio, e merda de piccione che vola,
tantoché a tutt'oggi lamenta e contesta
che i discendenti dall'alto ovunque lo seguano
pe cacaglie 'n testa.

Come 'no stronzo è cascato dalla bicicletta,
culo a terra e cianche aperte,
come 'na frivola ragazzetta
che se sfrega la frittella sulla punta der sellino,
visto che ancora ce l'ha stretta,
ed è ormai stufa de contentasse de 'n ditalino.

Da tera i Gorilla come 'no straccio l'hanno raccattato,
pensando: 'er mentecatto va pensionato',
ma uno solo, d'origine salernitana,
sorridendo incomprensibile
ci ha detto 'na frase strana:

"te puozze colà come 'e cipudde.......",

e da dietro l'ha afferrato pel tubolare della floscia banana,
mentre sorrideva puro Joe, come 'n coglione,
tanto, insensibile, ma quanno te tana,
e poi lo Sbirro già s'era cacato er cazzone
d'ariccoglie li disabbili, e calcaglie 'n testa er berretto de lana.

Come sulli Carabbinieri
su de lui s'ariccontano grottesche barzellette,
ma ci ha ben altri poteri,
e sempre dice quarche cazzata, se messo alle strette.

A Mosca invece c'è sempre quarche cazzone,
elevato al rango de Boiardo de Palazzo,
che voluttuosamente lecca il culo al Padrone,
e ripete a pappagallo, puro si non ce capisce 'n c***o,

e tra de loro se tengono bordone,
fracichi de Vodka, esclamando:

"se vinca o se perda,
alla francese mogli e amanti baceremo,
co la lingua lorda de mmerda !!!".
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

Un testo scritto con coscienza e conoscenza, amico Don Lurido! Un plauso alla tua bravura! Buona giornata!

il 22/07/2022 alle 10:06

Grazie, Sir Morris, sempre generoso, ti ricambio. Ciao.

il 22/07/2022 alle 14:46