PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Utente eliminato
Pubblicata il 14/07/2022
Cade la pioggia, brividi in frammenti
fiuto riflessi di lacrime dannate
tra le dita coralli color rame.

le mie labbra sono dune silenti
disperso in lenzuola di seta e argento
il soffitto colora di preghiere lontane

non ho paura del respiro
mi alzo nudo come la marea
con in petto la riviera

in ogni cosa hai incartato il tuo odore,
velenosa cima di bacca senza colore
nella notte grigia di piacere mi hai odiato

con le dita mi hai trascinato
dentro i canti umani del peccato
e vigore e ferro battuto di un letto perduto

sui tuoi fianchi ho visto folgori di lame
e le tue ali concesse al miele
come veleno sparso sulle carni

venere nuova, occhi rilegati in pelle
volteggia tra queste mie grandi mani
di cui io ne sarò il Re.
  • Attualmente 4.83333/5 meriti.
4,8/5 meriti (6 voti)

piaciuta! :-)

il 15/07/2022 alle 14:23

Bel testo! ciao Claus

il 16/07/2022 alle 16:22