PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 11/07/2022
impronte
a cavalcare l’alba
segnano il passo
alle cose scontate

e il giorno
si fa notte in un baleno
è un battito di ciglia
il via del capotreno
e la corsa del treno
sui binari del tempo

prendiamo, per esempio, la ragione
col tacco a spillo
soffocata com’è dentro la metro
le circostanze
impone da puttana

da scalza
coi piedi sempre a un palmo dalla strada
disegna strafottente
prigioni sulla schiena

inutilmente urli
nessuno ti soccorre
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (6 voti)

Qualcosa di veloce attraversa questi versi, sembra un serpente. Come se, nell'immobilità assoluta, restasse l'impronta di qualcosa ch'è passato velocissimamente. Poi, l'incubo reale della chiusa. E' questa realtà che ci lascia di stucco, con la ragione a disegnare sbarre.

il 11/07/2022 alle 20:32

Luce ed ombra nello stesso spazio per fare l'intero, con uno sguardo che sempre stimola a spingersi più a fondo nella ricerca. La interpreto in questo modo. Un saluto.

il 11/07/2022 alle 21:16

Quel "Pu***na lo ometteri. Queste parolacce gratuite, dai Aslai!

il 24/07/2022 alle 18:33