PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 26/06/2022
Carnefice o vittima
ogni volta
uno o l'altro
quando dissanguo e distruggo
quando vengo dissanguato
e distrutto
i ruoli si invertono
totali innocenti
totali colpevoli
raramente esistono
più spesso
siamo un compromesso
tra paradiso e inferno
non immuni al buio
non refrattari a un po' di luce
subiamo il danno
di umana fragilità
di equilibri precari
traballanti, esitanti
afferrati da insani desideri
prede che si credono predatori
subiamo il danno
della nostra presunzione
della nostra fame smodata
piccoli angeli caduti
trionfanti su improbabili altari
gonfi di debole orgoglio
patiamo la causa
da veniale a mortale
sortiamo l'effetto
di vecchi peccati
segnati sulla pelle
conti da saldare
al prezzo di anima e corpo
guastati
corrotti
subiamo il danno
di limiti ottusi
spaventati, codardamente
da piccoli specchi

fallaci prepotenti ,impotenti
restiamo vasi vuoti, rotti.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)