PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 21/06/2022
Pe c***o
m'aritrovo 'n mozzicone
che sempre penne,
e manco quanno ee zoccole
oo fumano s'accenne.
Da ricoverato, 'n'infermiera spudorata
invano glie da 'na bella sgrullata,
e dimanda: "e si volemo fa 'na cosa lercia?",
ed io, stringendome nelle spalle:
"solenne, impugno il c***o morto nella mano marcia,
e, flaccide e sudate, tu mi lecchi le palle !".
A famme frocio
ciò puro provato, e il culo l'ho parato,
ma ar primo appizzo de brutto ho scacacciato !
Cos'hai da fa pe tratte d'impaccio
si sei grosso e cazzaccio ?
De gomma me so comprato n'uccellone,
che a mezzo de 'n cinturone
moo lego ar panzone,
e m'aggiro pe ee strade de quartiere,
tronfio esibendo er malloppone,
cercanno a la gente de da da bere
che de natura ciò gonfio er calzone !
E intanto, alla Stazione,
e puro a Piazza Vittorio,
l'affricani dar massiccio nerchione
a litri densa sbora schizzeno
fra le cosce dee ragazzette
der vicino Oratorio,
alle quali manco poco aggusta 'sto ciborio,
e si tu stai tranquillo
ché tu fija è annata a mettesse a sede 'n chiesa,
ma nun immagini su che birillo,
sei proprio 'n gran cojone,
too dico senza offesa.
E quanno che poi transito da guardone,
bisbiglieno le fanciulline de vita stretta e fregna larga:
"arieccolo er pippaiuolo, er vecchio babbione",
io strabuzzo l'occhi vedendo ebano su avorio,
e isse, spalleggiate dai negroni,
mezze nude me cojonano con fare canzonatorio,
e sguaiate risa a scroscio,
ché m'hanno svagato
che ciò er c***o moscio !!!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)