PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 20/06/2022
Alla baia delli porci
oo chiamamo aa Cinciallegra
quell'ucello micio micio
che s'entosta fra le chiappe de na negra,

coo e mutanne piene de culo,
tettona e scorticarella,
tantoché la nocchia manco s'emburra,
pe fa strada alla cappella !

Se assai l'è busona
dell'ucello il pianto risona,
ma se fra le natiche l'è stretta
ai da vede la Cinciallegra come cinguetta !

Ner frattempo er compare,
lercio, a pelle, sempre da lei, sola,
er porcone finché sbora se fa ciucciare,
e senza ritegno glie l'appizza fino 'n gola !

Né il terzo può mancare,
na bottija de Rum a tre quarti, de sbroda,
nella sorca fino 'n fonno a rabboccare,
senza disturbo per chi altrimenti goda,

ché poi, a giochi fatti,
de 'sto cocktail brevettato
s'embriacamo sghignazzando come matti,
visto che de 'sta zoccola più c'è costato !
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)