PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 01/06/2022
Attesa
sembrava la solita sosta al semaforo
aspetto il verde per andare chissà dove
mi volto distratto dal battito d'ali di una farfalla sul vetro
non ci posso credere, ma sei proprio tu
annoiata e distratta proprio come me
non mi posso sbagliare,il tichettio nervoso delle mani sul volante
gli occhiali scuri a mo'di cerchietto sui capelli corvini
quel modo unico di fare scorrere le dita sulle ciocche
i cuoricini color smeraldo che si rincorrono e giocano lungo il collo sottile
il profilo greco che mi fece innamorare
ti senti osservata e ti volti
i nostri occhi che si incrociano inchiodandosi in un attimo eterno
ma perché bisogna sempre decidere un giorno per poi morire
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (6 voti)

Enzo, riacciuffala al prossimo semaforo!

il 01/06/2022 alle 10:05

Bravo Enzo, scritto simpatico! Ciao.

il 01/06/2022 alle 10:10

Bel testo, complimenti

il 01/06/2022 alle 11:39

piaciuta molto!anche i semafori sono importanti...danno il colore giusto per andare avanti.

il 01/06/2022 alle 11:41

Che bell’attimo!

il 01/06/2022 alle 13:25

Si bell’attimo…

il 01/06/2022 alle 13:39

Grazie mille a tutti

il 01/06/2022 alle 16:28