PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 05/05/2022
Tu , maledetto delirio d'onnipotenza di alcuni ,
quante volte hai dato in pasto agli
avvoltoi i corpi esanimi dei padri?
quante volte hai nauseato
la terra , costretta ad
ingoiare il loro caldo sangue?
hai strappato loro gli affetti più
cari e la gioia del focolare.
li hai spintonati al massacro
come agnelli al macello,
i generosi e verdi campi, hai
ridotto in cimiteri senza dignità.
e dalle labbra gelate
dei tuoi tanti morti,
un unico grido sembra levarsi.
"Si può anche morire, ma non senza un perché ".
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (6 voti)

Uno scritto degno e applicabile su varie tematiche della vita.Bravo

il 05/05/2022 alle 23:28

Alla domanda; non credo che si trova una giusta risposta. Vi sono vili personaggi che trovano piacere a far morire la gente e non si domandano mai di quale morte loro periranno.

il 07/05/2022 alle 13:05

Io penso che loro vivono come se non dovessero mai morire. E che se anche qualche volta ci pensano, non credono affatto che potrebbe esistere una giustizia divina.

il 07/05/2022 alle 13:23