PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 05/05/2022
Tra il solco e la radice
spinta in aderenza
si addensa
l’aridità del seme

nell’affondo
l’argine si svela

tesa tra le lame
simula la preda.
  • Attualmente 4.83333/5 meriti.
4,8/5 meriti (6 voti)

Complimenti per la prima poesia! Un saluto.

il 05/05/2022 alle 22:21

Grazie Dani, un saluto anche a te.

il 05/05/2022 alle 22:24

Parole semplici dalla profondita' dell'anima.Bravo

il 05/05/2022 alle 23:31

Bel testo

il 06/05/2022 alle 08:32

Con pochi versi fai spremere le meningi. Mi ricorda lo stile di un autore di Ph che abbiamo apprezzato in molti, nel passato.

il 06/05/2022 alle 08:35

Grazie a tutti per passaggio, letture e commenti...

il 06/05/2022 alle 10:10

Complimenti sinceri

il 06/05/2022 alle 11:24

Grazie Enzo, lusingato...

il 06/05/2022 alle 11:43

Benvenuto rivoluzionario anarchico. Bella poesia!

il 07/05/2022 alle 04:36

E ucraino. Grazie.

il 07/05/2022 alle 13:02

Yes, I know!

il 07/05/2022 alle 13:43

Bella Nestor. Il solco preda e destino, lame a snidare vita emozioni reazioni , a risvegliar germogli addormentati in semi pigri o rassegnati. Che il tuo "affondo" possa risvegliare davvero le coscienze, Nestor. Complimenti!

il 12/05/2022 alle 16:03

Grazie Brunozzo. Hai colto con profondo acume e singolare sensibilità il senso simbolico del testo.

il 12/05/2022 alle 16:21