PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 11/04/2022
Una vita dentro una stanza.
cattività che avanzava.
non era poi così male:
sapevo come affrontarla.
tra le labbra c’ho il Sahara,
il cuore dentro una bara.
umore che si alternava
nell’arco di una giornata.
dura un istante, non te ne accorgi...
errori passati, commetti oggi
l’umano è perseverare
ed autocommiserarsi.
sia dannato me stesso,
bambino dentro un riflesso.
abnegazione: è ciò che ci serve.
una soluzione che ti rende inerme.
rimuovi tutto, so che si prova:
io condannato.
ed ho memoriae.
visto che quei giorni, no, non torneranno,
ricordi quando sotto il faro ci baciammo?
È una damnatio
o solo un sogno?
io condannato.

(Ed io comunque resto)
naturale e spontaneo.
troppo ingenuo e mi ha fregato.
sono un tipo buono, questa è la mia via,
ma dentro ho una bomba a orologeria.
viviamo come mai sogniamo.
tutti egoisti sopravviviamo.
che sia sesso, che sia un gioco,
non m’importa: io ti amo.
così bella, non ti accettavi.
così fredda, non ti accettavi.
così bella, tu mi accecavi.
così bianca, mi tinteggiavi.
mi sono umiliato nei modi peggiori:
dignità a terra, assieme ai topi.
ripenso al gelo dentro i suoi occhi:
se impazzivo, rimpazzirò!
abnegazione: è ciò che ci serve.
una soluzione che ti rende inerme.
rimuovi tutto, so che si prova:
io condannato.
ed ho memoriae.
spero solo che tu sia esistita veramente.
che non sia solo frutto della mia mente.
È una damnatio
o solo un sogno?
io condannato.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)