PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 19/10/2021
Bacco
vermiglio
dal sangue
delle tue gesta
affilasti i miei sensi
e nel dolce tepore
trovai il crepuscolo
tu mi resi nudità
e dal sapore caldo
delle terre siciliane
mi donasti il mare
rendi te ne prego
i vellutati doni
che l'Etna amorevolmente diede
ai tuoi acini dionisiaci
fammi calcare ancora
le vie dell'abbandono
prima che il sole sorga
e il ciclico giorno
mi avvolga
nelle tenebre
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Mi piace molto questo testo... non sono persona che beve più di tanto, ma il tuo parlare del Nero d'Avola è pura poesia, come sa esserlo il buon vino.

il 19/10/2021 alle 11:45