PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 12/10/2021
C'è una mensola nella mia toilette,
dove ci sono delle piccole boccette,
in ognuna una diversa essenza,
regalate da gente con poca pazienza.

persone che non sapendo cosa donare,
un profumo han deciso di comprare,
ora di vetro il mio bagno è pieno,
da riempire il vagone di un treno.

alcune ampolle hanno anche un costo elevato,
ma il mio olfatto non è rimasto impressionato,
molte hanno il tappo impolverato,
segno che qualcuno non è stato mai usato.

poi in un cassetto c'è un cartoncino,
comprato quasi al costo di un panino,
dentro c'è il mio effluvio preferito,
prima che sul collo lo mettevo sul dito.

e' stato il mio primo profumo,
prima di ora non lo sapeva nessuno,
lo comprai allora con la prima paghetta,
usato dopo la rasatura della prima barbetta.

ogni tanto lo prendo e lo annuso,
per paura di finirlo non lo uso,
assaporo per un attimo la mia gioventù,
di un tempo che ormai non tornerà mai più.

c'è chi si domanda qual è questa fragranza?
che da ragazzino riempiva la mia stanza?
lo potrà capire solo il lettore che casomai,
è un uomo che non deve chiedere mai.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)