PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 01/10/2021
... e lacerarti quella specie di cuore fasullo
Ho archivi nelle vene e sangue infetto che naviga
Ho, di te, oceani di velluti e damascati inganni
spregiudicati inchini e montagne di bugie
ma sopratutto... la presunzione di esistere!

Tremano, le mie dita, sugli abissi e sui limiti imposti
e non si sa se per rabbia o voglia di gettarti nel dimenticatoio
quando la malinconia mi penetra i polsi e gli occhi arrancano sul veleno

Ho, di te, miliardi di parole
conservate nel cuore
quando il ritmo ventricolare era imperfetto
e ogni ristagno

mortale

- Nel Tempo ho gettato le tue matite colorate -
  • Attualmente 4.75/5 meriti.
4,8/5 meriti (4 voti)

Similitudini paradigmatiche, ricercate per non dimenticare! Molto scorrevole come il tuo sangue! Ciao, Gabry

il 01/10/2021 alle 10:29

Qaunti cuori fasulli si incontrano... gran bel testo!

il 01/10/2021 alle 10:50

velenosissima.. mi piace

il 01/10/2021 alle 11:29

Riletta con piacere. Adesso ti senti meglio? ( anche io a volte divento una furia, poi mi calmo).

il 01/10/2021 alle 11:59

Mi sento meglio, Genziana, perché alla fine gliele ho strappate una ad una. Un grazie diffuso a tutta la truppa. :)

il 01/10/2021 alle 12:10

Quando l'ho letta per la prima volta ho pensato: A Gabry qualcuno ha pestato i piedi"...poi mi è sembrata una poesia triste, nel senso che provi una certa tristezza nei confronti di qualcuno che ti ha pestato i piedi.

il 01/10/2021 alle 12:13

Bellissima.. Anch'io ho percepito la rabbia verso qualcuno, ma anche la sconfitta di aver creduto in lui e la malinconia per qualcosa che non c'è più.. Mi sento molto vicina al tuo pensiero... Bravissima

il 01/10/2021 alle 12:22

Complimenti, già dal titolo...

il 01/10/2021 alle 14:27

...Sei italiano ?...nessuno è perfetto, signor commissario...(da Pane e cioccolata)...

il 01/10/2021 alle 15:45