PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 24/09/2021
Restituirò i luoghi della mia giovinezza
a chi li ha creati.
i sogni definiti
a chi li ha solo sognati.
i movimenti di circostanza variabile
alle situazioni.
le frasi dette con cognizione di causa
a chi è muto fuori.
restituirò carezze
a chi me le ha insegnate.
baci calamitati
a coppie innamorate.
respiri
a chi non si sente respirare
e sospiri ambivalenti
per gioia e dolore.
restituirò il me stesso
sfinito e usato
per domandare un reso sottovuoto.
l'anima
che conserva quel che non è lucidato
ma risplende della grazia
di chi lo ha cresciuto.
sarò polvere invisibile di un esile pensiero.
ma forte nel ricordo
di chi mi ha voluto bene davvero.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)

Caro G.G., considerando le nostre età io spero che sia tu a non dimenticare me. Cerchiamo di restituire al creato il meglio di noi e tu hai tanto di bello dentro, ma non da restituire, ma da dare adesso. Un abbraccio.

il 24/09/2021 alle 21:24

Cara S., quando sarà il momento lasceremo il nostro noi, bello e brutto che sia, alla terra. Ciò che abbiamo dato e continuiamo a dare resterò tatuato nei cuori di chi ha ricevuto e ritornato. In quanto a dimenticarti, scusa il gioco di parole, SCORDATELO. Ti abbraccio.

il 24/09/2021 alle 22:16