PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 18/09/2021
...
sulla stessa strada
distanti - d'istanti
passati sotto i filari
lungo l'argine a ridosso
pietroso
scalzo -

Feriti
dai gemiti dell'acqua
avvolta, di volta in volta
in vortici fraudolenti

Urlo, ma tu non senti;
menti a te stessa sul fulgore
di ciò ch'è stato - amata
perdutamente - e poi smarrita

sotto miliardi di lucciole
- spente -
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (5 voti)

Mamma mia quant'è bella, specialmente la chiusa. Credo che, mentire a se stessi per un qualcosa che è accaduto e poi mancato, sia un modo per farci soffrire meno. Comunque è troppo bella questa tua ultima, e voglio dirti che sei bravissima. Ciao Gabry.

il 18/09/2021 alle 17:24

Mi associo al sentire di Serena. Gabry ci sta regalando poesie di alto livello, soprattutto se consideriamo che è un ragazzo ancora così giovane ma già capace di esprimersi attraverso versi molto belli e maturi.

il 18/09/2021 alle 18:16

Una bella poesia. Naturalmente, mi associo ai commenti precedenti. Complimenti.

il 19/09/2021 alle 06:16

Amata perdutamente e poi smarrita! Sta tutto in questo verso! Bellissima poetica! Ciao, Gabry

il 19/09/2021 alle 10:19

Riletta :) Mi sono accorta dalla foto del tuo profilo che sei un uomo. Sei bravissimo, allora.

il 19/09/2021 alle 10:40

Grazie di cuore a tutti; un abbraccione!!!

il 19/09/2021 alle 13:56