PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 17/09/2021
Sono bivaccinato, ho il Green Pass e non sono per niente no-vax (anzi). Capisco l'utilità del Green Pass ai fini della lotta al Covid.
• Ma questo non mi impedisce di pensare, e quindi di dire, che un Governo che non ha il coraggio di rendere obbligatorio un vaccino, ma sanziona chi non lo fa, compie un abuso.
• Senza il gp non puoi più lavorare, becchi una sanzione fino a 1500 euro, eccetera.
• Cioè ti rendo impossibile la vita perché tu non hai fatto una cosa che io non ho reso obbligatoria.
• Se poi questo non si può dire senza ferire il mainstream, mi sento obbligato a dirla.
  • Attualmente 4.4/5 meriti.
4,4/5 meriti (5 voti)

Io sono d'accordissimo con te amico, grazie per avermi confidato quello che da sempre penso, ma non ho il coraggio di sbandierarlo, c'è sempre il rischio di ferire qualcuno e passare anche un solo giorno in musi duri, proprio non mi và, però da codardo che sono sono d'accordissimo con te, quasi sempre grazie infinite

il 17/09/2021 alle 11:13

Io sono in lista e la penso piu' o meno come te,tu dovresti sapere che nel 1940 o giu' per di li',cera il cosidetto pass rosso per la cosidetta razza ariana,per cui penso che la lotta ad un infezione sia un puro pretesto per dirigere una societa',come dire sperimentazione sociale ne piu' e ne meno come la transizione ecologica uscita fuori sempre in questi 20 mesi ,Italia e Francia sono le piu' attive sull'imposizione di queste inutili leggi, mi fermo.Bravo nel sollevare questo problema Un Saluto

il 17/09/2021 alle 11:22

Grazie Tonietto: alla mia età restano poche cose da fare, tra queste dire ciò che si pensa. Grazie Gpaol: come sai sono meno "storicistico" di te e non riesco a inquadrare l'argomento secondo quanto scrivi. Penso che la questione sia molto meno dietrologica e si rifaccia, più prosaicamente, alla incurabile malattia italiana di ottenere un risultato senza assumersene la responsabilità. Ma, già che ci sono, aggiungo una info. Mia nuora è incinta e, naturalmente, in famiglia ci si è posto il problema del vaccino, dato che su 6 (dico 6) specialisti interpellati, tre hanno detto "no vaccino alle donne incinte" e tre "sì vaccino alle donne incinte". Mia nuora, con suo marito, stanno valutando cosa fare, con tanti dubbi e sofferenza. La decisione è lasciata al singolo cittadino, e già questo è un'aberrazione, ma, intanto, mia nuora viene messa all'angolo dal GP. E' questo un buon risultato per chi ci governa?

il 17/09/2021 alle 13:00

Esatto eriot, non obbligano ma ti rendono la vita difficile, a che serve la costituzione?? Non è stata scritta all’indomani di minoranze che hanno subito soprusi, dicendo che qualsiasi minoranza deve essere tutelata con pari diritti ecc..?? I politici si prendano la responsabilità di dire davanti a tutti che siamo in un regime totalitario, ma non lo faranno mai per non perdere tutti i voti..addirittura chi minaccia di togliere il SSN alle persone non vaccinate.. si scatena la guerra tra poveri che tanto piace a loro..alle donne incinte non danno l’esenzione e ai medici è intimato di non emetterla altrimenti rischiano il posto..allora che cambino la costituzione visto che a quanto pare è carta straccia. Art 1 L’Italia è un’ oligarchia fondata sul vaccino, la sovranità appartiene a big pharma e alle banche che la esercitano in maniera illimitata. Così suona meglio secondo me.

il 17/09/2021 alle 13:33

Quanto è bello potere avere ancora dei dubbi!! Tu hai centrato il punto chiave: non è vaccino si, vaccino no... Mi piace molto.

il 17/09/2021 alle 14:40

Grazie Mark e Fantaman per il vostro contributo.

il 17/09/2021 alle 17:24

Dico la mia in modo terra terra... penso che se i cittadini di questa bella nazione fossero un pò più disciplinati non ci sarebbe bisogno di rendere obbligatorio quello che io definisco un dovere verso gli altri. Te lo dice la sorella di chi, per una reazione avversa a un vaccino è rimasto disabile per il resto della sua vita. Erano altri tempi ed io mi sono vaccinata e con me tutta la mia famiglia. Non si possono avere questi timori, questo battere il chiodo sui guadagni delle industrie farmaceutiche. Sento dire che non siamo a conoscenza di cosa contengono questi vaccini, poi ci avveleniamo con il cibo, con le sigarette con l'inquinamento. Infine passami la battuta... vorrà dire che noi imbecilli che abbiamo avuto fiducia e ci siamo vaccinati moriremo tutti e vivranno quelli intelligenti che non l'hanno fatto. Scusa ma veramente non se ne può più.

il 17/09/2021 alle 17:25

Per il discorso delle donne in stato di gravidanza il problema è dei nostri medici che non sono preparati. Mia nuora sta allattando e non si è vaccinata. Sta attenta e usa le tutte le precauzioni. Scusa lo sfogo, Eriot.

il 17/09/2021 alle 17:29

Ma sì, è tutto una presa per il c. Non averlo reso obbligatorio sin dall'inizio, ha generato casino e basta. Se qualcuno ricordasse che all'epoca dei carri di Bergamo in fila, come i carri dei monatti manzoniani, a trasportare cadaveri, e che allora tutti si sperava nel vaccino, probabilmente la si smetterebbe di sparare cazzate a vanvera. Per chi non lo sapesse. Cos'è la "vanvera" ?:Una meno diffusa ma non meno interessante etimologia del termine vanvera riconduce l'etimo ad uno strumento in uso nel Seicento presso i Veneziani che era chiamato appunto vanvera: si trattava di un contenitore per i gas intestinali utilizzato da chi soffrisse di meteorismi incontrollabili, che permetteva di scaricare, anche in pubblico, ed immagazzinare momentaneamente tali miasmi un un sacchetto di pelle, e di scaricarli successivamente, una volta non in presenza di altre persone !

il 17/09/2021 alle 17:36

Grazie LL e Apopi (interessantissima la "vanvera"). Il mio intervento è su come viene portata avanti l'esigenza della vaccinazione, non sulla sua necessità, che mi appare evidente. Ma LL tocca un argomento che, da sempre, mi fa venire la pelle d'oca e cioè la grancassa sui guadagni delle big-pharma e sugli interessi che esse hanno nel produrre e imporre il vaccino. In passato ho avuto l'onore e la responsabilità di dirigere un gruppo di persone che fornivano a enti e aziende analisi previsionali dei dati. In particolare svariate aziende farmaceutiche ci ponevano il seguente quesito (che semplifico moltissimo, anche banalizzando un po'). "Guadagneremo di più se produciamo il farmaco X che combatte alla grande la malattia Y o conviene tenerlo nel cassetto e continuare a produrre tutti i farmaci necessari alla cura di pazienti che hanno la malattia Y e non la possono curare al meglio perché non c'è il farmaco X?" Analizzando i dati, facendo modelli, comparando (eccetera eccetera) la risposta era che, da un punto di vista strettamente matematico il guadagno nel secondo caso era sempre maggiore (anche di molto). Facciamo un esempio. Due dosi di vaccino fanno guadagnare a un'azienda produttrice una certa cifra (alcuni euro). Un ammalato che non si è vaccinato fa guadagnare alla stessa azienda centinaia e centinaia di euro (se non migliaia) in tutta una serie di medicine e in una impressionante quantitativo di mezzi (siringhe, sacche, medicamenti, tubi, maschere, ossigeno, camici, strumenti vari e avanti così per un bel po'). Ipotizziamo uno scenario in cui non esistessero i vaccini Covid. Il numero delle ospedalizzazioni, sarebbe enorme, tutti gli ospedali del mondo collasserebbero e le richieste alle big-pharma di medicine e altro sarebbero tali da far loro guadagnare cifre assolutamente galattiche. Quindi dire che i vaccini vengano prodotti e imposti per realizzare enormi guadagni è una fesseria. Se la ricerca non avesse prodotto i vaccini le aziende farmaceutiche diventerebbero ancora più ricche.

il 17/09/2021 alle 18:14

Sono completamente d'accordo col discorso di Lara e apopi. Io ho fatto il vaccino e se necessario farò anche le altre dosi. Se servirà ad allentare questa emergenza, se servirà a far ripartire i reparti e curare chi ha altre patologie gravi e da questa situazione è stato penalizzato, io non temo i rischi personali connessi, me ne prendo la responsabilità e lo faccio serenamente. Lo sento anch'io come un dovere, a prescindere da cosa contenga e da eventuali effetti sulla mia persona. E sono d'accordo con Eriot sul fatto che questa ambiguità nel non renderlo obbligatorio ma nel contempo ritenerlo indispensabile, abbia prodotto solo disordini. La salute non può diventare oggetto di contesa, non può prestarsi a personale interpretazione, soprattutto in un tempo come il nostro dove la comunicazione non è più sano confronto tra specialisti ma gara a chi diffonde sciocchezze e bufale di ogni tipo e dimensione.

il 17/09/2021 alle 18:22

Sui siti ufficiali di Moderna, A.I.f.A ,E.M.A, ce' questa circolare(La decisione se utilizzare il vaccino nelle Donne in gravidanza, deve essere fatto dopo la consultazione di un sanitario professionista che ne valuta benefici e rischi,in altra parte si dichiara che la Donna in Gravidanza non e' soggetto al rischio se non nei casi indicati EccEccEcc.I siti ufficiali sono chiarissimi la disinformazione e' semplicemente nel non prendere notizie oppure servirsi solo dai mainstream. Ce' un sito che si chiama Europe vigilance e forse e' uno tra i piu' attendibili e pieno di sorprese .Un Saluto

il 17/09/2021 alle 18:56

La settimana scorsa anche la Giorgia nazionale aveva sollevato il tuo stesso interrogativo, anzi aveva detto che il Governo per non prendersi le sue responsabilità ha optato per il GP.

il 17/09/2021 alle 18:56

Io ho fatto il COVID, e un articolo della fondazione veronesi ( non il complotto.org ) dice, pubblicato sulle riviste scientifiche, che i soggetti vaccinati e quelli guariti hanno lo 0,07 percento di reinfettarsi con qualsiasi variante. Ora, perché mai una persona guarita dovrebbe vaccinarsi con questa percentuale?? Per 6 casi al mondo di reinfezione?? Qui si sta facendo la guerra tra vaccinati e non, mentre invece anche le persone vaccinate dovrebbero capire che è un diritto non farlo.. e puntare al lavoro è vigliacco e schifoso..oltre che la fine della “bella democrazia “.. sento un infermiere dire che nemmeno per la tachipirina e il viagra si conoscono gli effetti a lungo termine .Eh?? Ferma un attimo. Quei due farmaci NON mi obbliga nessuno a prenderli, come è responsabilità mia quello che mangio e quanto fumo. Credo ci sia una leggera differenza. Per non parlare del fatto che per un vaccino ci vogliono dai 5 agli 8 anni mentre qui in meno di un anno si trova la soluzione di cui si conosceranno le reazioni complete a dicembre 2023. Nel frattempo persone che conosco nella croce rossa riferiscono di ragazzi di 14 anni (14) presi e ricoverati per trombosi. Mai visto nella sua vita una roba del genere. Parole sue. Come si può biasimare un genitore che ha la paura legittima e sacrosanta di vaccinare il figlio dodicenne o poco più?? Perché bisogna fare la guerra pensando che chi non vuole farlo sia per forza no vax?? Credo che tutto si possa dire e fare..ma sindacare sulla paura delle persone ( magari infondata ) sul vaccinarsi sia da fine dell’intelligenza. È come andare a dire a qualcuno di smettere di avere paura dei cani, del vicino di casa marocchino o di quelli che vanno veloci in macchina. Ognuno ha le sue paure e vanno capite e rispettate. Qui sembra si faccia la gara a chi è più intelligente o furbo..la guerra tra poveri appunto. E divide et impera non tramonta mai.

il 17/09/2021 alle 19:31

Ovviamente il mio articolo 1 vuole essere una battuta. Big pharma compreso.

il 17/09/2021 alle 19:38

Ho avuto il covid da vaccinato sono guarito in 8 giorni, tanti amici miei non vaccinati ci hanno messo molto più tempo per guarire e in tanti ci hanno rimesso la pelle,non saprei siamo comunque di fronte ad una pandemia mondiale anche non vaccinarsi potrebbe essere una scelta egoistica di comodo e limitativa della libertà altrui, certo alcune decisioni potrebbero sembrare impositive però ripeto siamo a Di fronte ad un qualcosa che ha cambiato la vita di tutti ed a mio modo di vedere il vaccino sembra la soluzione più idonea per ritornare alla normalità

il 17/09/2021 alle 20:12

Poi sento dire alcuni: “se pensano sia una dittatura questa, vadano a vivere nel mondo arabo!” Ma che cazzo c’entra? Quelli non sono nemmeno da prendere in considerazione, allora se decidessero per assurdo di mettere per sempre il coprifuoco dalla 22 alle 6?? Cosa direbbero?? “ si sta comunque meglio qui che ne Mondo arabo” poi lo abbassano alle 20..” eh sì sta ancora meglio qui che la” È come se andassi a dire a mio cugino malato di tumore allo stomaco incurabile; “come stai?? Dai non ti lamentare pensa che ci sono quelli che ne hanno 3 di tumori contemporaneamente!” Scusa eriot per lo spazio che ho occupato.

il 17/09/2021 alle 20:20

Grazie a chi si è aggiunto. Genziana: la tua affermazione "la salute non può diventare oggetto di contesa.." è sufficientemente esplicativa di tutto. Vins, non lo sapevo, ma c'è chi è ben più autorevole per scienza propria a dire la medesima cosa... Aug: certo, è così. Mark: non occupi niente, è bello (e utile) confrontarsi.

il 17/09/2021 alle 21:43