PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 15/09/2021
C è un momento che mi affligge la mente,
ricreare il letto come la sera precedente,
fosse per me non lo farei,
se torna come ora perché mai dovrei?

sin da bambino è un' azione ripetuta,
più dagli altri che da me voluta,
sta di fatto che la faccio ancora,
nonostante nessuno controlli più la mia dimora.

non so cosa scatti nella mia mente,
quando vedo le lenzuola avvolte malamente,
eppure al mio talamo mi avvicino,
e tutto ripristino pian pianino.

poi mi sovvengon altri insegnamenti,
che nella mente si affollano prepotenti,
allora capisco il perché di ciò che faccio,
rimbocco l' ultimo lembo e poi mi taccio.
  • Attualmente 2.66667/5 meriti.
2,7/5 meriti (3 voti)

Simpatica, mi ha ricordato il "cubo" del militare...

il 15/09/2021 alle 13:46

Vero, Eriot. Sol che lì era obbligo che ti si affibbiava come dovere. Qui è ripetitività quotidiana che passa dalla pigra (assonnata?) constatazione al ricordo abitudine consuetudine che alla fine ti ci costringono. E forse anche per molti di noi è così. La coscienza del quotidiano. Giusto, simpatica.

il 15/09/2021 alle 14:03