Pubblicata il 01/04/2003
Finita dalla quotidianità
giace riversa la coscienza.
Il destarsi del sogno
mi proietta
nella inelluttabile, fantomatica esperienza
della quiete estrema.
Percepisco il niente del nulla,
non esisto.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Un bravo...e complimenti!
un abbraccio
ac

il 02/04/2003 alle 03:37