PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 27/07/2021
gira il vento al gallo sul tetto
mentre stipa il vecchio
una misura di tabacco
nella pipa
fumando dubbi
sulla direzione

se intorno è tutto bruciato
duri calanchi
crepe ovunque
riarsi i campi

e quest'aria calda
di buono
non promette niente

capitano di vecchia data
da solo sulla tolda della nave
mi raccomando
non mollare stasera
che in veranda ripari lo scafo
e resisti ancora all'afa

ricordo i viaggi
nel tempo indietro
tu al timone
io sul banco
ad imparare il mestiere
e quanti sacrifici
segreti nella stiva

allora il mare era pulito
come la fronte tua
poi un'ultima tempesta
ci ha diviso

adesso per distese di fieno
vado cercando la rotta
curve altre schiene
di figli senza lavoro
e perso il muggito
delle vacche
ascolto solo trattori

ma è rimasto il giogo
sulle nostre spalle

sapendo nuovi padroni
come e quanto tirare la fune

appena comincia
a formarsi il callo
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

"Poi l'ultima tempesta ci ha diviso". Sequenze che trasmettono emozioni, queste tue.

il 27/07/2021 alle 09:41

grazie Daniela, metti in risalto la parte più importante perchè sai leggere sempre a fondo, così rimango in debito per la tua sensibile amicizia fatta di una stoffa ben rara di questi grami tempi...chi la possiede è condannato a una sottile sofferenza, sai, e dovrai chissà quanto soffrire per questo, come me che ho sempre dovuto subire strali di avversa sorte, meglio prendere la strada in discesa e avere una cuticola spessa, ma noi abbiamo le salite e una fodera così delicata, ci è toccata, cmq hai più tempo di me davanti, se questo può alleviare...grazie ancora, se rimango lo devo a te , e a poche persone qui che riescono a trattenermi, fino a quando non so, ma ho scritto troppo, me ne accorgo da solo, un saluto più caro qui tra le mie carte ti invio , quello che mi rimane di più caro, e buona estate mia carissima amica, ciao vir

il 28/07/2021 alle 19:54