PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 22/07/2021
bestiacce (insonnia)
*
sai quante notti svejo ciò passato
pe’ ‘sto grillo che nun me fa dormi’
che fa la serenata da stonato
e sega sega er solito cri crì?
*
ma questo nun sarebbe tutto er male:
de giorno vojo fa’ ‘na pennichella?
nun se po’ fa’ pe’ via de le cicale
che m’aspetteno già de sentinella.
*
mbè, se vojo dormi’ che me rimane
d’annamme a chiude’ drento lo stanzino?
nun se po’ fa’ perché c’è sempre er cane
de quer morammazzato der vicino.
*
so’ disperato sì, casco dar sonno
e se nun dormo un po’ la vedo brutta…
ma quanti animalacci ce so’ ar monno?
mbè, se volemo dilla proprio tutta
*
senza vole’ fa’ lungo ‘st’oratorio
le peggio bestie, le più fastidiose
le pòi trova’ solo a Montecitorio
a fa’ cri cri gegè e bubbù… Che prose!
*
e’ garantito che stalli a senti’
artro che cani, grilli o le cicale…
quello è l’unico posto pe’ dormi’
e pe’ svejatte -forse- a carnevale.
*
governo? Dice: tutto vorge ar mejo
e continua la stessa litania
io je direi: -poiché so’ ancora svejo-
e’ mejo ‘naccidente che te pia!
***
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Piacevolissima lettura...condivido in tutto il tuo pensiero e ,tra" le bestiacce "che hai elencate le più sgradevoli restano quelle più vicino a noi " l'uomo " ...senza più decenza e dignità ... alcuni non dormono la notte per inventar barzellette da raccontarci al giorno...

il 22/07/2021 alle 15:09

e sono strapagati per farlo... ciao Gabry

il 22/07/2021 alle 15:54