PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 15/07/2021
Si ribella
ad un silenzio mortale,
questo lamento
nella notte.

chissà
di quale dolore parla,
mentre bussa
con le sue ultime forze
e spera disperato,
che qualcuno apra.

prima di esalare
e spegnersi.
alla fine
di un respiro...

(Dalla raccolta "Disturbi" - 2015)
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

Emergono profondità d'intenti e malinconie. L'anima è, qui, messa a nudo. Bellissima poesia, Fabrizio. Piaciuta.

il 16/07/2021 alle 10:10

Grazie di cuore Minus. L'ispirazione per questi versi mi è arrivata in una notte di qualche anno anno fa, quando davvero ho udito un lamento, seppur non ne ho compreso l'origine. Non ho ho fatto altro che riportare in versi le domande e le riflessioni che mi sono venute in quel particolare frangente vissuto.

il 16/07/2021 alle 10:47

Per caso Fabrizio, non ti sei comportato bene con la fidanzata, spesso e volentieri sono loro che ci fanno trascorrere nottate a soffrire per una parola di troppo, oppure anche uno sguardo un po più dolce ad una sua amica, spesso non mandano giù anche piccoli comportamenti che però lasciano un alone di sofferenza, ma guai se non ci fossero loro a sostenerci dopo la nottata insonne, spero che sia tutto passato te lo meriti Ciao

il 16/07/2021 alle 14:21