PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 09/07/2021
Dormono le città sui loro fasti
come le belle al morso della mela.
Dormono le coscienze e gli intelletti
su mobidi cuscini di baiocchi.
Ma c'è chi veglia offrendosi alla vita
badando a preservarne la bellezza.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Amara e vera.

il 09/07/2021 alle 07:04

Il cielo è sempre sintonizzato con noi, se sappiamo apprezzarne giorno per giorno le sue fantastiche meraviglie, e tu sei un'altra meravigliosa creatura tutta da amare, buona giornata

il 09/07/2021 alle 07:52

come scrivevo nel commento al racconto di Eriot - molotov 1968 , l'inaridimento ha raggiunto e oltremodo superato livelli di guardia...rimanere guardiani e custodi adesso di valori inestimabili sarà dura, perchè ci siamo persi dietro frivoli quanto facili specchietti cinesi, consumatori di un mercato globalizzato, e allora tutti a scrivere scorrendo inchiostro, ma senza intingere nell'anima, manco a sfiorarla, consumatori dell'effimero o dell'effetto estetico, questi siti ce lo mostrano in tutta la squallida essenza eterea, ci rimane di far fronte comune per quel famoso cenobio di emozioni e sacre devozioni ai veri valori dell'umanesimo e della fratellanza che si instaura solo quando l'afflato è respiro come palpito e vibrazione spontaneamente resa, quell'incontro che matura nel tempo e nella sostanza, nel buon senso e nella sana corrispondenza, senza salire in cattedra, come spesso qui capita, ma con una buona dose di apprendistato evitando disgustose manifestazioni di saper pilotare la propria nave, a me lasciando magari una carretta, come mi disse il famoso poetadel mare, bè ne ho viste e lette di cotte e di crude, però ecco il miracolo, quel ritrovarsi d'istinto nella notte sul cammino con una buona o due al massimo persone, amiche, dolcemente fraterne, appoggiati noi l'un l'altro, fianco a fianco respirando la poesia vivendo la passione d'una intesa che non nasconde ombre, ma è lì davanti adamantina e pura, e anche se c'è poca luce sai indirizzare allora la tua posta, sai quali mani sapranno aprirla, contenerla, stringerla, ecco tutto amica mia, carissima, quello che volevo dirti, perchè sei custode di importanti messaggi, sei la musa come dicevo e sostenevo, e se ancora resisto qui lo devo solo a poche persone, tra le quali spicca la tua grande anima, io che non credo, però ce la vedo in tutta la tua purezza, ciao, vir

il 09/07/2021 alle 11:51

Grazie per i vostri interventi, Ginni, Il Vecchio Poeta. C'è un po' d'amarezza, è vero Ginni, c'è comunque quel cielo sopra noi a cui attingere come ricchezza illimitata, giorno per giorno e forse attimo per attimo, se dell'attimo se ne conosce il valore reale. A te, Virgilio, dico che i custodi devono vegliare se hanno la convinzione e la pazienza, nonchè la preparazione interiore per farlo. Gli occhi bendati da sonni artificiali hanno creato vagoni di paure, naufragi dentro procedure e protocolli, città spente con il loro pezzo di mela incastrato in gola. I principi hanno troppo da fare con le carte di credito per poterle svegliare e prendersene cura con garbo, riportando lustro e dignità. Allora la poesia può farsi carico di essere messaggera di un "no" deciso, di un'offerta alla vita e allo splendore privo di fobie lobotommizzanti a vantaggio della semplificazione e della concretezza. C'è luce, Virgilio, grata che tu la intravede e grata per i tuoi dialoghi.

il 09/07/2021 alle 13:32

All'insegna della semplicità, per fortuna, ancora c'è qualcuno che preserva la bellezza di ogni cosa; al di là di ogni sordo clamore.

il 09/07/2021 alle 13:47

Rileggere prima dell'invio non guasta, tant'è che il "mobidi" del testo sarebbe morbidi e "lobotommizzanti" del commento sarebbe lobotomizzanti. Ma correggo imperterrita, se me ne accorgo.

il 09/07/2021 alle 13:51

Ci sono, Gabry, ci sono e fanno la differenza. Ne ho incontrati diversi nel mio cammino, donne e uomini, mentori per la gioventù e saldo riferimento per gli altri adulti assopiti o troppo indottrinati. Talvolta hanno divelto montagne, talvolta le montagne hanno schiacciato loro, ma hanno comunque lasciato una traccia per chi ha la volontà di salvaguardare la bellezza.

il 09/07/2021 alle 14:18

Mi piace perché si accompagna a delle immagini molto ben definite, e molto bello è anche il commento di Virgilio che condivido.

il 10/07/2021 alle 08:50

Il tuo testo scorre come un fiume che si ferma un attimo ad ammirar le meraviglie che incontra lungo il suo percorso.

il 10/07/2021 alle 12:18

Hai dato valore allo scritto quanto al commento mettendo in evidenza quanto le due cose siano integrative e vadano a creare dialogo, confronto di opinioni e non di rado comprensione reciproca. Te ne sono grata, Vincent. Sir, l'immagine che hai dato è bellezza, freschezza e dinamicità, direi che calza a dovere anche perchè amo il fiume e ciò che rappresenta: dalla sorgente alla foce è vita.

il 10/07/2021 alle 20:50
Adi

La bellezza ci salva nella misura in cui riusciamo a mantenere lo sguardo aperto e sensibile verso il mondo, gli altri, noi stessi...

il 11/08/2021 alle 13:01