PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 03/07/2021
amo i nostri discorsi
io e il mare
al sole muti

dalle onde
un respiro di brezza
scivolando sulla pelle
la tua carezza

amo quelle parole
levigate di silenzio
in battigia
fino a consumare
sassi dentro

posando
tra stelle e conchiglie
queste gambe
di tormento mai stanche

se voglia di notti
con te in fuga
il vento pilota
e ammicca la luna
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

Quando leggo i tuoi versi la salsedine mi scivola sulla pelle! Molto bella, complimenti! Un abbraccio forte!

il 03/07/2021 alle 14:12

mio caro e buon Vittorio, come tornerei volentieri in quella grande amante e lontana un tempo di giovinezza, la mia città di Roma, magari a farci un buon bicchiere dei castelli lì a trastevere dove ho lasciato un grande amore, e tanti ricordi, come vorrei dentro al mio cuore, ma non posso, così stanco e oppresso da tante cose...proprio non va, ma resisto, anche grazie alla tua compagnia, cerco di farcela, a fatica, e intanto sogno, le grandi piazze di notte magiche, dall'aventino al colosseo quante rincorse, ma io sono e resto lì, al bivio del passato, al centro della poca memoria che rimane, dove la mia amante m'ha lasciato un vuoto...una donna di storia, e ogni volta che ti leggo io sono lì con il cuore e la mente d'un tuffo indietro, attento agli scogli , dura pietra del mio passato, quando ero solo in una grande città, e non avendo compagnia i primi tempi me la sono passata scura, come si dice, ma sempre a schiena dritta e fronte pulita, ok, un abbraccio di cuore, ciao vir

il 04/07/2021 alle 12:37