Pubblicata il 28/03/2003
Viva l'Italia!
ripudia ogni guerra
vive povera

"L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri
popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. Di conseguenza rinuncia ai benefici derivanti da ogni conflitto"

Costituzione Italiana, art. 11

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Purtroppo l'Italia che ripudia la guerra non è ascoltata nemmeno dal suo governo. Ma la speranza è l'ultima a morire: canteremo più forte e danzeremo di più, fino a quando non capiranno che la violenza scatena solo odio e non porta saggezza, ma indifferenza.
Io come te sono un'Italiana che ripudia la Guerra!!
cia Simosimpa

il 28/03/2003 alle 12:26

l'Italia e' una cosa
gli italiani un'altra cosa..
coloro che governano l'Italia..un'altra cosa ancora...
Ma diceva il saggio inglese Ogni nazione ha il governo che merita....Sara' vero?..Luna

il 28/03/2003 alle 14:43

...perchè se anzichè creare il business delle bandiere della pace (arriva addirittura voce che il maggior stampatore sia un parente di qualche deputato alla camera), chi aveva piacere di obiettare contro la guerra, sarebbe bastato mettere un lenzuolo con su scritto bene in grande ART.11 , avrebbe fatto sicuramente più effetto: innanzi tutto gli ignoranti sarebbero corsi a rileggersi la costituzione e avrebbero imparato qualcosa, secondo: avrei proprio voluto vedere chi l'avrebbe fatto. Nessuno o quasi, perchè non avrebbe lo stesso effetto "estetico" della bandiera!!!
( frase riportata da un cretino di Torino...)
Salutoni Patrizia

il 28/03/2003 alle 14:54

Credo proprio che questa mia provocazione non abbia sortito l'effetto voluto. Mi dispiace, cari amici miei, ma io sono un sostenitore di questa guerra.

L'articolo 11 della Costituzione Italiana, recita:

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri
popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali."

La frase :

"Di conseguenza rinuncia ai benefici derivanti da ogni conflitto" l'ho aggiunta io.

L'Italia ripudia la guerra, ma è membro dei G8 grazie ad una ricchezza ottenuta grazie anche ai proventi delle guerre combattute da altri. Mi sembra quantomeno ipocrita. Se vivessimo in un' Italia povera che ripudia la guerra e la ricchezza che ne deriva, allora potremmo veramente trovare coerenza nella Somma Carta della nostra nazione.

Un saluto a tutti voi
Andrea.

il 28/03/2003 alle 15:05

Nessuno vuole vivere povero si dimentica una cosa .... ce ne sarebbe per tutti se fosse distribuito meglio e fare questo non è facile ...c'è sempre e ci sarà sempre l'ostacolo di chi ne vuole un pò di più per se ,, anche tra i poveri esiste la stessa legge figuramoci se parliamo di mondo perciò concordo con ciò che tu affermi
un bacione MG:)

il 28/03/2003 alle 21:36

Caro Andrea, anche io sono per questa guerra ma nel sito siamo solo in due! Così va il mondo!
J. Rawls, scomparso di recente, uno dei massimi filosofi americani, avrebbe "giustificato" l'intervento americano pur essendo liberal e democratico.
Solo per una adesione.
Totale.
N.

il 28/03/2003 alle 23:08

scusa se intervengo ma non mi pare proprio che saddam abbia solo petardi e se vai alla manifestazione porta la bandiera della pax e non quella rossa ciao MG:)

il 28/03/2003 alle 23:44

siamo in tre sarà perchè amo la pace e non amo il colore rosso bacione MG:)

il 28/03/2003 alle 23:46

Cara MG!
Questo è un fatto positivo ma che non viene molto apprezzato.
A volte si confondono bandiere e idee, politica ed economia e si scivola, facilemente, nella grossolanità, nella banalità.
La mia età e la mia esperienza politica mi fanno propendere per una seria avversione sia per il pacifismo che per l'antimericanismo; come pure un americanismo esasperato è controproducente alla stessa America.
Ho scritto qualcosa in tal senso, qui sul sito, come ricorderai!
Questa "poesia/riflessione" di Andrea è stata l'occasione (sana) per manifestare liberamente una idea. E mi fa piacere che tu l'abbia condivisa.
Chiedo scusa ad Andrea per questo ulteriore intervento; ma è a completamento di quello mio precedente.
Pensa! Gli irakeni hanno bombardato 1000 loro uomini e donne in fuga da Bassora pur di non dare l'idea al nemico di un dissidio interno! Pensi che sul sito si dica qualcosa al riguardo?
No.
Sarebbe "no politically correct"!
Er

il 30/03/2003 alle 11:04

Beh, Occam, non credere che io sia un ingenuo. Quello che tu affermi lo so perfettamente, come so che la Costituzione è stata scritta fra le macerie della seconda guerra mondiale in un paese dove l'eco dei bombardameti ancora risuonava nell'aria. Il fatto è che l'articolo 11 è stato preso a pretesto dai sostenitori della pace. Come vedi esso può rivelarsi strumento a doppio taglio.
Un saluto
Andrea

il 30/03/2003 alle 16:22

Gia..volenti o nolenti è la natura umana...
Un bacio
Andrea

il 30/03/2003 alle 16:23

Non ci crede nessuno, caro Mesmer, figurati se ci crede un cinico, violento, egoista, disumano guerrafondaio come me !! ;-)))
Eppoi io sono ateo e non sono, quindi, un fautore del messaggio evangelico, almeno non nell'accezione cristiana. Certi pacifisti, però, hanno tirato in ballo la costituzione per avallare il loro anti-intervintismo. Quindi, se proprio vogliamo guardare la costituzione...
Per quanto riguarda, poi, le 'bischerate', circa le armi chimiche di Saddam, sai già come la penso: ci sono solo interessi geopolitici in gioco. Null'altro di più.
Con simpatia
Andrea

il 30/03/2003 alle 16:30

Dimenticavo...quando sabato sera, dopo la manifestazione, te ne andrai in pizzeria a mangiarti una bella capricciosa, non pensare troppo all'umanità indifesa...altrimenti si fredda la pizza !!! ;-)))))))))
Ciao.
Andrea.

il 30/03/2003 alle 16:32

Dopo l'anno mille, i canti gregoriani divennero polifonici: Mozart, ringrazia...
Ciao.
Andrea.

il 30/03/2003 alle 16:36