PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 11/04/2021
nei giorni
che rimangono
vuoti
e tu più sola

perdonami

per quella serenità
fatta di piccole cose
meraviglie
a raccontarci
la sera che viene incontro
d'una vita

posando le ali
piano
con la paura di far male

se t'ho perduta
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

Triste e malinconica! Scritta con pentimento sincero! Un abbraccio, Virgilio!

il 11/04/2021 alle 20:00

A raccontarsi, come vecchi amici. E poco conta che sia di fronte il mentore antico, fonte di un sapere immenso, o la luna nuova piccola e sola che appena si affaccia alla vita. Perdonami costa un'esistenza intera, solo a sussurrarlo costa più che a tacerlo, ma posando le ali piano assume il senso reale del "per donare". Così vedo questi tuoi versi, Virgilio.

il 11/04/2021 alle 22:28

confesso di aver scritto troppo, aperto il mio cuore, a volte esagerando, e capisco da solo una esigenza di registrare come contenere un fiume dentro...se sto perdendo i punti storici di riferimento, come l'ultimo prof. di liceo a quasi cent'anni...mi accorgo insomma del fiume del tempo che inonda e sale dentro sul far della sera, noi compagni sgomenti, e quanti dolori e solitudini altrettante nelle nostre storie, io le ascolto, e le riverso sulle pagine del racconto, siamo soli, e perdonami lo sussurro a una donna , chiunque essa sia, da quella perduta a quella mai avuta, alle donne della mia vita, se mai davvero innamorato ... poteva essere bello, così vivo l'ultimo pezzo di strada con una lacerante solitudine, ma questo può sembrare soltanto un periodo di depressione, tanto oggi viene spontaneo così da classificare, senza renderci conto che non si può essere soddisfatti di un mondo così lacerante ..., ma ancora mi arrovello, allora mi fermo, basta, sono stanco persino di ascoltarmi, figurarsi chi mi legge, ...ciao vir

il 12/04/2021 alle 10:43

I tuoi versi trasudano il tuo struggimento. Io persevero a leggerti.

il 14/04/2021 alle 23:58

ti potresti nella perseveranza ammorbare di tristezza e malinconia, caro Ben, se scrivo un diario carico di ricordi, ideali precipitati come voli contro le pale dei mulini a vento spezzati, perchè lancia in resta ancora il vecchio pazzo si lancia in inutili battaglie costi quel che costi, se non ho forse avuto mai la mano d'una donna a fermarmi, nessuna ci è riuscita.... ciao vir

il 28/04/2021 alle 13:06