Pubblicata il 08/04/2021
Ogni sera attendo
che ritorni.
l’attendo,
già pronto il bagaglio
per partire.
insieme si potrà volare
oltre la linea latitante
del possibile.

impazienze d’infanzia
ritrovo, e paure tra le scale
sempre in penombra,

una siringa di luna
mi rivaluta l’ardire,
ora l’azzardo è reso verosimile.
anche stasera l’attendo per partire,
ne scruto l’arrivo,
dietro un sipario setoso
che scosto
con l’indice eretto,
complice e cauto.

un ultimo sguardo
sottratto alla soglia
della pazienza
s’imbeve di luce, già sento
il motivo del suo passo.
dal mio sangue s’innalzano
stalagmiti, ideogrammi d’ansia letàre
che a stento trattengo.

eccola, è lei!
la mia serotina stella.
s’avvicina, si affaccia
da una balaustra di nubi
e l’atteso segnale
m’invìa, mi avvio,
docile con lei
per il viaggio consueto,
trasgressivo.

il gufo della notte
si appisola lontano.

le ragnatele
hanno fili d’oro.
  • Attualmente 1/5 meriti.
1,0/5 meriti (1 voti)

Trovi sempre la musica adatta per apprezzare al meglio le tue magiche atmosfere, grande Anna sei fantastica, sarà impossibile al tuo principe azzurro continuare a resisterti lontana, Augurissimi stammi bene Ciao Tonino

il 09/04/2021 alle 10:59

In questo caso il mio Lui è la Luna, caro il mio amico poeta. Grazie intanto, Tonino

il 09/04/2021 alle 20:17