Pubblicata il 07/04/2021
C’era un viso piccolo
affacciato alla finestra
cornice d’un quadro bianco
e poi quella trincea sicura
in cui camminavamo sorpresi
nell’ insieme dei colori
verso un mondo ad occhi aperti
che più non sarebbe stato
si poteva ancora sognare
e tenendomi per mano
accompagnavi quei sogni ai ricordi
e i ricordi alle illusioni
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)

io c'ero, ma ero un pò più grande di te...mi è piaciuta la tenerezza del ricordo, immagino verso un genitore

il 08/04/2021 alle 07:25

Sono proprio gli unici frammenti che ricordo di quella giornata, grazie arturo, un caro saluto.

il 08/04/2021 alle 08:54

I ricordi da Bambino sono intrisi di tenerezza e immaggini indelebili,Buona Giornata

il 08/04/2021 alle 08:59

si preparava un luglio rovente.. in cui nascevo hahah bella, davvero

il 08/04/2021 alle 10:36

È il ricordo più vecchio che ho, non so se sia normale a 3 anni e mezzo ma tant’è. Grazie gpaol, anche a te.

il 08/04/2021 alle 12:50

Grazie 373, anch’io sono nato in luglio..

il 08/04/2021 alle 12:51

Tirar su la serranda dai piani alti e la coltre bianca davanti agli occhi, mentre le macchie verdi degli alberi punteggiavano una tela mai vista in città a memoria di generazione. E fu magia, per qualche attimo magia, poi gioia per le ore a seguire. Bei ricordi Mark.

il 08/04/2021 alle 12:52

Grazie per la tua poetica testimonianza arlette, momenti magici e sospesi nel tempo, buona giornata.

il 08/04/2021 alle 13:16

Non ho mai sciato, ma dovetti procurarmi d'urgenza dei doposci. Per il mio piede 44 rimediai solo un 46, dando un senso a "quella camminata strana" di Baglioni.

il 08/04/2021 alle 21:31

Beh, meglio un 46 che un 42, no?Essendo dei doposci si sente così tanto la differenza? Non saprei, ma se mi dici così ci credo a quella tua camminata strana. Ciao Ben;)

il 08/04/2021 alle 22:49