Pubblicata il 07/04/2021
Dietro me lo schermo acceso
corro svelto ma non riesco
a far sparire quella fonte
che il mio cuore ha sempre leso

quella luce in lontananza
dimmerata dalla fuga, sembra
un quasar a raggi gamma
non ho scampo è una mattanza

stanco fermo e assai provato
a bordo strada mi riposo
con lo sguardo affaticato
mi nascondo e neanche oso

a tentar di contrastare
chi ha già vinto col suo peso
ma la strada è lunga e smorza
quel dolore senza reso

un altro giorno è già arrivato
e la corsa ricomincia
di gran fretta fuggo via
dal riflesso là in agguato

non mi lascia mai un momento
è una caccia senza tregua
tra vicine lontananze
delle immagini nel vento
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)