Pubblicata il 28/03/2021
Ho udito battere un cuore nei polsi delle salite.
vuole vivere di attimi
respirando risorse appena nate.
ho visto scarpe incollate ai piedi di chi vuole sempre
scappare...
e gambe stanche di promesse inutili.
illusioni e stupore.
un sorriso forzato, sui visi della sofferenza.
che abitano nelle pieghe dell'anima
cambiando orizzonte e coscienza.
ho sentito angoli di cielo incontaminato
mandare un saluto.
e oasi di pace battezzare chimere
nel breve istante di un minuto.
quel che siamo in realtà
non è dato al mondo sapere.
uno è poco.
tutti troppo.
ogni giorno uguale a un altro.
la vita è l'utensile del nostro mestiere.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)