Pubblicata il 25/03/2021
Come languido e leggero
è senz'ansia e sforzo
diversamente amoreggiare,

dal giorno alla notte,
dal Sole alla Luna
teneramente mutando anima,

mentre senza riflesso
s'immerge Ares
nell'acque d'Afrodite,

e ad occhi socchiusi,
dalle fredde estremità
sino al più profondo calore,

il tozzo mio corpo
senz'ali avverto
trionfante d'efebiche grazie
nell'aere purissimo librarsi.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)