Pubblicata il 23/02/2021
nu jurne nu allive de nu fesòfele
decìje ò’ majèstre suje ka tuttekuande
u nzegnaminde suje assemeghjave
kungentrarze sóp’a kòse ‘nutele È kuille
i respunnìje ke nu ‘sèmbje: ’A tèrre éje
ambje è smesurate. Ma de kuèlla subrefice
ògnè òme aùse skitte pòke cendimetre.
kuille sóp’a kuje i pite mètte nda kuillu
mumènde. ‘Mmagenìje ka tu live, tutte
a nu tratte, kuille ka l’òme nen stace
aùsanne. Kuistukkuà nvileke se trùuàrrà
nd’u ‘mmakande. Pe kuanda timbe sarrà
ngrade de servirze d’u sustègne ka prime
i vastave? È u allive i respunnìje ka kuillu
pòke de tèrre, nenn’i sarrìje servute chjù
a ninde. È u majèstre kungludìje ka kuillu
sèmbje u ‘ssulute besugne d’u ‘nutele revelave.

un giorno un allievo di un filosofo
disse al suo maestro che tutto
il suo insegnamento sembrava
concentrarsi su cose inutili. E quegli
gli rispose con un esempio: La terra è
ampia e vasta. Ma di quella superficie
ogni uomo usa solo pochi centimetri.
quelli su cui posa i piedi in quel
momento. Supponi che tu tolga, tutto
ad un tratto, ciò che l’uomo non sta
usando. Costui si troverà in bilico
nel vuoto. Per quanto tempo sarà
in grado di servirsi dell’appoggio che prima
gli bastava? E l’allievo gli rispose che quel
poco di terra, non gli sarebbe servito più
a niente. E il maestro concluse che quello
esempio mostrava l’assoluta necessità dell’inutile.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

Utile apologo . Ciao.

il 24/02/2021 alle 09:03

...un invito alla meditazione...piaciuta.

il 24/02/2021 alle 09:44