Pubblicata il 22/02/2021
Vele bianche
di mulini o lenzuola
fanno ala
al fondale
d'un teatro di provincia.

notte nuda
eppur vestita
di timidezza
o sogni troppo trasparenti.
galoppo lontano
cavaliere errante per amore
di Dulcinea
uscita a cena con
penelope e Arianna.

oltre l'orizzonte
la malinconia
è tempesta di sabbia.

il Paradiso è al di là del muro.

dall'alto dell'albero
sacro
serpente
sapiente
mi offro un assaggio di
conoscenza.

basterebbe solo un morso.

per pigrizia
o eccesso d'ironica follia
con cuspide affilata di freccia
sottratta a Cupido
spargo il sangue
dolce di mela
trafitta
rossa come cuore.

ormai secca
screpolata e stretta
è tempo di cambiare pelle
per rinascere
a me stesso.

© Massimo Apicella 2021
da: "Baci di luce sfiorano le labbra della malinconia"
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)